HomeEuropa e economia

Crif Ratings conquista il mercato europeo

Crif Ratings conquista il mercato europeo

Il gas USA salverà la crisi energetica dell’ Europa?
Chip: Nvidia guarda alle gigafactory di Intel per diversificare la supply chain
OGM: Regole UE, sotto attacco

Crif Ratings vuole conquistare il mercato europeo mettendo a disposizione i servizi di rating per le corporate non finanziarie. L’Agenzia, nata con autorizzazione rilasciata nel dicembre 2011 dall’Esma, l’autorità di vigilanza europea dei mercati, ha operato durante questi anni soprattutto sul mercato italiano e spagnolo, focalizzando l’attività di rating su imprese di piccole e medie dimensioni.

L’impegno professionale sul rating è stato accompagnato da un articolato lavoro di ricerca e commento dei principali eventi, settori e trend di mercato.

«Il rating determina il costo del debito di un’impresa – commenta Francesca Fraulo, responsabile dell’Agenzia – senza dimenticare la capacità di accesso al mercato finanziario più in generale. Gli indici sono tanti e variano a seconda dell’attività dell’impresa; gli indicatori comunemente utilizzati sono quelli di leva finanziaria e di copertura degli interessi, ma anche quelli di liquidità. Il rating ha una valenza molto importante anche in tema di vigilanza, essendo uno strumento utilizzato dalla regolamentazione sui requisiti patrimoniali di banche e assicurazioni (Basilea e Solvency)».

Il 2016 è stato l’anno della rivisitazione metodologica conclusa con la consultazione al mercato tra dicembre e fine gennaio 2017 con la quale Crif Ratings ha ampliato la definizione di default e apportato modifiche alle scale di rating, principalmente la scala del rating emittente.

Grazie al nutrito team analitico di oltre 15 professionisti guidato da Francesca Fraulo, l’Agenzia ha sviluppato per i prossimi due anni un piano di espansione ambizioso. Mediante i rating, solicited e unsolicited, senza tralasciare il commento dei trend più rilevanti per il mercato del credito e dei capitali, Crif Ratings è un punto di riferimento per investitori, advisors, imprese e intermediari finanziari alla ricerca di opinioni ad alto valore aggiunto che partono dalla conoscenza e dall’interpretazione delle specificità del contesto europeo.

Francesco Fravolini

Commenti