HomeCommunication & Tecnologies

A caccia di like

A caccia di like

Facebook: lunedì nero costa a Zuckerberg 6 miliardi dollari
L’anonimato in rete: libertà di espressione o di insulto?
Come si manifesta la Fomo, ovvero la paura di essere tagliati fuori

Passiamo la vita attaccati e presi dal cellulare che spesso, ci dimentichiamo delle persone importanti per noi e per la nostra vita. 

Il cellulare è diventato il nostro mondo, dove nascondiamo tutto: messaggi, chiamate, social, fino a dimenticarci e perderci momenti indimenticabili della nostra vita.

Ogni singolo momento deve finire in rete per far sapere ai nostri amici, dove siamo, con chi siamo e perfino che cosa stiamo mangiando, senza poterci godere quella situazione, dove ci sono altre persone che fanno la stessa cosa.

E’ diventata una gara a chi posta più foto e ottiene più like, perché più siamo popolari più le persone ci seguiranno e diventeremo la loro ispirazione.

Ma è davvero così importante condividere ogni singolo momento della vita anziché viverlo?

Per le persone è più importante postare, ogni giorno qualcosa che parli di loro, anche se non sono i veri loro stessi, ma solo una maschera per apparire sui social e far vedere che sono persone di tendenza.

Spero invece, che ognuno di noi impari a godersi momenti della sua vita che potrebbero essere indimenticabili con le persone che più amiamo.

A cura di Monica Origgi

Commenti