HomeCommunication & Tecnologies

Ok, a quanto pare la mente umana ha la capacità di modificare il mondo fisico

Un dibattito tra filosofi e fisici quantistici ci sta facendo scoprire qualcosa di incredibile.

Ok, a quanto pare la mente umana ha la capacità di modificare il mondo fisico

Forze esotiche: i raggi traenti infrangono le leggi della fisica?
Una crittografia a prova di futuro (quantistico)
Il Nobel per la Fisica a Giorgio Parisi

La mente cosciente ha la capacità di cambiare il mondo fisico? Negli ultimi decenni la nostra conoscenza della mente e del mondo subatomico si sono spinti sempre più avanti. Eppure, nei campi della fisica quantistica e delle scienze cognitive, misteri difficili e inquietanti permangono ancora e, occasionalmente, si intrecciano.

Quando sono stati fatti i primi esperimenti sulla luce per capire se fosse un’onda o una particella (è entrambe e nessuna delle due) si sono aperti tanti altri interrogativi legati alla natura della realtà, soprattutto uno: e se l’atto di osservazione con la mente umana stesse effettivamente provocando cambiamenti nel mondo , anche se su scala incomprensibilmente piccola?

“Penso che sia per questo che le scienze cognitive stanno guardando alla meccanica quantistica. Nella meccanica quantistica, c’è spazio per il caso”, ha spiegato Ulf Danielsson, autore e professore di fisica teorica all’Università di Uppsala in Svezia. “La coscienza è un fenomeno associato al libero arbitrio e il libero arbitrio fa uso della libertà che presumibilmente la meccanica quantistica fornisce”.

Tuttavia, Jeffrey Barrett, professore di logica e filosofia della scienza presso l’Università della California, a Irvine, ritiene che la connessione sia in qualche modo arbitraria dal lato delle scienze cognitive.

“È davvero difficile spiegare la coscienza, è un problema filosofico profondo e duraturo. Quindi i fisici quantistici sono disperati e anche gli scienziati cognitivi”, ha detto. “E pensano che la meccanica quantistica sia strana. La coscienza è strana. Potrebbe esserci qualche relazione tra le due”.

Questa razionalizzazione non lo convince, tuttavia. “Non credo che ci sia alcun motivo per supporre dalla direzione della scienza cognitiva che la meccanica quantistica abbia qualcosa a che fare con la spiegazione della coscienza”, continua.

Tra filosofia e fisica non c’è proprio un rapporto liscio e senza increspature, il dibattito prosegue ma non sarà facile arrivare a una conclusione, proprio perché i due mondi sono così complessi e inafferrabili.

Fonte: Esquire.it

Commenti