HomeBanche per L'impresa

Trimestrali Usa ai blocchi di partenza: si inizia dalle banche, cosa aspettarsi

Trimestrali Usa ai blocchi di partenza: si inizia dalle banche, cosa aspettarsi

Conto alla rovescia per la stagione delle  trimestrali Usa  con JP Morgan e le principali banche statunitensi pronte a scoperchiare il vaso di Pandora

Quando l’etica guida gli investimenti
Credito a PMI con il contagocce. CGIA: “Garanzie statali utili alle banche”
I servizi finanziari via satellite

Conto alla rovescia per la stagione delle  trimestrali Usa  con JP Morgan e le principali banche statunitensi pronte a scoperchiare il vaso di Pandora degli utili del primo trimestre venerdì 12 aprile.

Le stime degli analisti

Secondo il consensus degli analisti, gli utili per azione dell’S&P 500 dovrebbero segnare un aumento di appena il 3% su base annua nel primo trimestre. E, come ha osservato Robin Wigglesworth su Alphaville la scorsa settimana, al di fuori  dei Magnifici 7 (Meta, Tesla, Alphabet, Amazon, Apple, Microsoft e Nvidia) la situazione non appare molto brillante.

Secondo i calcoli di Goldman Sachs, escludendo i 10 principali titoli dell’S&P, l’EPS dovrebbe ridursi del 4% nel primo trimestre. In parte, ciò è dovuto a una contrazione particolarmente forte, pari al 27%, degli utili del settore energetico. Ma la debolezza è presente anche altrove. Si prevede che gli EPS delle materie prime scenderanno del 24% e che i settori industriali, sensibili al ciclo, aumenteranno solo dell’1% (per di più durante una presunta ripresa del settore manifatturiero).

Nello stesso periodo, gli utili dei “Magnifici 7” dovrebbero aumentare del +33,4% a fronte di un aumento dei ricavi del +13,2%. Escludendo il contributo di Mag 7, gli utili del primo trimestre del 2024 per il resto dell’indice sarebbero in calo del -3,2% rispetto al periodo precedente (contro una crescita del +2,5%).

 

“In un periodo in cui il mercato toro americano naviga tra le onde – sottolineano gli analisti di eToro- la crescita degli utili assume un ruolo ancora più cruciale, specie alla luce dei continui slittamenti dei tanto attesi tagli ai tassi d’interesse”scrivono gli esperti di eToro, specificando che “i riflettori sono puntati anche sui titoli finanziari, che inaugurano questa stagione degli utili, previsti rallentare a una crescita del 5%. In questo scenario, Citigroup emerge come la stella di Wall Street tra le grandi banche, vantando un’impennata del valore delle azioni di oltre il 18% da inizio anno, la migliore performance all’interno dell’S&P 500. Tuttavia, Bank of America potrebbe rivelarsi la vera sorpresa, potenzialmente cavalcando l’onda delle robuste commissioni di investment banking e dei proventi da trading del trimestre”.

Utili del settore finanziario in frenata

Secondo gli esperti di Zacks, società di ricerca nel settore degli investimenti, gli utili totali del primo trimestre del settore finanziario dovrebbero aumentare del +3,7% a fronte di un aumento dei ricavi del +2,4%. Ciò farebbe seguito alla crescita degli utili del settore del +12,4% su un aumento dei ricavi del +8,4% nel quarto trimestre del 2023.

“Le stime sugli utili del settore finanziario sono rimaste in gran parte stabili dall’inizio del trimestre: solo le stime di Citigroup sono state leggermente abbassate, riflettendo i recenti commenti del management sull’aumento dei costi. Le prospettive per la parte core del margine d’interesse sono leggermente migliorate con l’avanzare del trimestre, grazie alla continua crescita dei portafogli prestiti che ha compensato la modesta compressione dei margini. Il contesto macroeconomico stabile o in miglioramento, che si riflette nello slancio positivo del mercato azionario e nelle aspettative di allentamento della Fed, può potenzialmente sorprenderci in positivo, soprattutto per quanto riguarda il volume dei prestiti. L’unico punto relativamente positivo sul fronte dell’investment banking è stato il mercato dei capitali azionari e del debito, da cui si attendono buoni numeri di crescita”.

Banche Usa: il calendario degli utili

Venerdì 12 aprile

  • Jp Morgan Chase
  • Wells Fargo
  • Citigroup

Lunedì 15 aprile

  • Goldman Sachs

Martedì 16 aprile

Commenti