HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Raggiungere Nettuno in pochi mesi: la NASA progetta nuovo sistema di propulsione

Raggiungere Nettuno in pochi mesi: la NASA progetta nuovo sistema di propulsione

Fonte: Scienze Notizie.it La fantascienza spesso descrive l’umanità come una specie interplanetaria (o addirittura interstellare), ma c’è ancora ta

L’acqua sulla Luna potrebbe avere un’origine terrestre
La NASA ha lanzado un platillo volante inflable para luego aterrizarlo en el océano. Tiene buenos motivos
How would humans respond to the discovery of aliens? NASA enlisted dozens of religious scholars to find out.

Fonte: Scienze Notizie.it

La fantascienza spesso descrive l’umanità come una specie interplanetaria (o addirittura interstellare), ma c’è ancora tanto progresso tecnologico da fare per consentirci di viaggiare tra i diversi corpi celesti. Ma per fortuna c’è il programma NASA Innovative Advanced Concepts (NIAC). Dedicato all’esplorazione di tecnologie spaziali avanzate, NIAC ha appena annunciato 14 destinatari di una sovvenzione di 175.000 dollari per aiutare a dare vita ad alcune di queste tecnologie ispirate alla fantascienza. Tra questi ci sono idee come TitanAir, un idrovolante realizzato per volare attraverso l’atmosfera di azoto e metano della luna di Saturno, Titano, e condutture lunari progettate per trasportare ossigeno tra insediamenti presenti sulla Luna, ma non è tutto. “La NASA vuole rendere possibile l’impossibile”, ha annunciato entusiasta l’amministratore dell’Agenzia Spaziale Bill Nelson in una dichiarazione ufficiale.Il programma NIAC aiuta a fornire a questi scienziati e ingegneri lungimiranti gli strumenti e il supporto di cui hanno bisogno per stimolare la tecnologia che consentirà le future missioni della NASA”. Ma per rendere possibile “l’impossibile”, come spiegato da Nelson, gli scienziati devono superare il più grande ostacolo ai viaggi nello spazio: passare dal punto A al punto B molto più velocemente. Tre progetti nel gruppo di 14 di NAIC mirano a reinventare i viaggi nello spazio, ma il più ambizioso è un’idea chiamata ” propulsione a fascio di pellet “.

Viaggiando a sole 3,6 UA (1 UA è la distanza dalla Terra al Sole) all’anno, le missioni Voyager hanno impiegato quasi metà della vita umana per raggiungere l’eliopausa. Ora Artur Davoyan dell’UCLA vuole accelerare drasticamente questo processo utilizzando particelle in rapido movimento azionate dai laser. Simile ai progetti di ”vela solare” che esistono da anni, questo sistema di propulsione potrebbe trasportare veicoli spaziali del peso di una tonnellata nell‘orbita di Nettuno in un solo anno; un passo notevole rispetto a Voyager 2 che ha impiegato il doppio del tempo solo per arrivare a Giove. Questa tecnologia potrebbe persino consentire viaggi per 500 UA in 15 anni, posizionando un veicolo spaziale proprio nel disco sparso della fascia di Kuiper. L’indagine di Fase I del progetto esaminerà queste affermazioni entusiasmanti ma audaci modellando i sottosistemi della tecnologia del fascio di pellet e progettando studi di prova (con risultati, si spera, incoraggianti). Ma come funziona un razzo a propulsione termica nucleare? I raggi di pellet non sono l’unica tecnologia di propulsione, poiché altri due progetti NIAC si rivolgono ai reattori nucleari per trovare modi per spingere gli esseri umani oltre i limiti dei razzi convenzionali. Il primo (e più noto) è una nuova classe di motori a propulsione termica nucleare (NTP), un sistema di propulsione alimentato a fissione che riduce i tempi di viaggio verso Marte di almeno il 25%. Un altro progetto è un motore a razzo a frammento di fissione nucleare, o FFRE, che secondo la NASA sarebbe “esponenzialmente più efficiente dei motori a razzo“. Il problema? In questo momento i motori FFRE sono molto grandi, incredibilmente complessi e hanno alcuni vincoli termici piuttosto grandi, problemi che la società di propulsione Positron Dynamics spera di affrontare presto. Tutte e tre queste tecnologie sono ancora alle fasi iniziali e la loro riuscita non è affatto garantita, intanto noi non possiamo fare altro che aspettare.

Commenti