HomeLa Riflessione di Giancarlo Elia Valori

Cina batte Usa nell’Intelligenza Artificiale e riconoscimenti internazionali

Il segretario dell' Areonautica ha detto che la Cina sta vincendo contro gli Stati Uniti la battaglia dell' intelligenza artificiale

Cina batte Usa nell’Intelligenza Artificiale e riconoscimenti internazionali

Cina contro l’Europa. Il Motivo? La strategia commerciale UE
Cina batte Usa nell’Intelligenza Artificiale e riconoscimenti internazionali
US Biden and China’s Xi hold first call in seven months

Il segretario entrante dell’Aeronautica degli Stati Uniti ha affermato che la Cina sta vincendo la battaglia dell’intelligenza artificiale rispetto agli Stati Uniti d’America. Egli ha ammesso che la Cina sconfiggerà in breve tempo gli Stati Uniti d’America in questo campo ad alta tecnologia.

Sebbene III, segretario dell’Aeronautica militare nominato dal presidente Joe Biden, non si sia ancora insediato, ha risposto pubblicamente alla più grande polemica negli ambienti politici e militari statunitensi di recente: il primo chief software officer della difesa statunitense, Nicholas Chaillan, che si è dimesso l’11 ottobre scorso, ha detto che la Cina ha già superato gli Stati Uniti d’America e ha vinto contro essi la battaglia dell’intelligenza artificiale.

Kendall ha repliato d’essere d’accordo con quanto asserito da Chaillan. Chaillan ha dichiarato ai media che gli Stati Uniti d’America non solo hanno compiuto lenti progressi nel campo dell’intelligenza artificiale, ma sono anche limitati da varie cosiddette regole. La Cina è già molto avanti. Kendall III non ha smentito Charan come hanno fatto alcuni, ma si è offerto di invitare l’ex dipendente a continuare a partecipare alle relative discussioni.

Il portavoce dell’aeronautica americana, il tenente colonnello Justin Brockhoff, ha annunciato: «Il segretario Kendall ha ringraziato il signor Chaillan per il suo contributo all’aeronautica. I due hanno discusso dei suggerimenti di Chaillan per il futuro sviluppo del software del Dipartimento della Difesa. Il segretario Kendall e Chaillan si sono riservati la possibilità di discussioni future».

L’ intelligenza artificiale tra Russia e Cina

Attualmente, l’intelligenza artificiale è un campo altamente competitivo nei circoli scientifici e tecnologici cinese e statunitense. I suoi casi d’uso includono la progettazione di tecnologie informatiche in grado di pensare e agire come esseri umani per eseguire varie attività complesse. Sia la Repubblica Popolare della Cina che gli Stati Uniti d’America si contendono il dominio in questo campo.

La tecnologia dell’intelligenza artificiale è penetrata in tutti gli angoli dei settori aziendale e della sicurezza nazionale di ogni Paese ed è utilizzata per pianificare, percepire e implementare azioni specifiche per affari complessi.

Chaillan in precedenza aveva detto ai media che dopo che Kendall lo aveva contattato in modo personale e fiducioso, egli aveva accettato di servire come consulente non retribuito per il Dipartimento della Difesa. Chaillan ritene che la connessione di Kendall dimostri che il Segretario è determinato ad apportare modifiche per sostenete il governo degli Stati Uniti d’America a primeggiare nuovamente nella competizione per l’intelligenza artificiale.

Chaillan ha detto: «I fatti sono molto semplici. Kendall mi ha contattato subito dopo che ho annunciato le mie dimissioni, e la maggior parte di esperti e responsabili non si sarebbe interessata a me e non avrebbe continuato a lavorare sodo per rimediare tale handicap. Questo ha significato per me che Kendall vuol davvero far qualcosa».

Non ci sono ancora informazioni specifiche sul fatto che il governo federale degli Stati Uniti d’America risponderà positivamente ed in breve tempo al monito di Chaillan.

Chaillan ha dichiarato di essere disposto a partecipare alle audizioni tenute dal Congresso, ma spera che alcune delle audizioni rimangano non riservate in modo che il pubblico possa ascoltare le sue opinioni.

Chi vincerà la competizione?

Alcuni esperti al di fuori dell’amministrazione degli Stati Uniti d’America hanno affermato che la questione di chi vincerà la competizione sull’intelligenza artificiale è ancora irrisolta. Jim Waldo, scienziato informatico e Chief Technology Officer presso l’Università di Harvard, ha asserito di non essere pessimista al pari Chaillan sulle possibilità degli Stati Uniti d’America nella battaglia  sull’intelligenza artificiale nei confronti della Repubblica Popolare della Cina. Waldo ha sottolineato che la maggior parte degli investimenti nell’innovazione tecnologica negli Stati Uniti d’America è avvenuta in aziende private, piuttosto che attraverso la ricerca universitaria finanziata dal governo.

Waldo ha vergato in un’e-mail: «L’idea che questa ricerca sarà guidata dai militari è un po’ ridicola… Però il Dipartimento della difesa dovrebbe incrementare l’uso di questa tecnologia e anche i finanziamenti del governo dovrebbero aumentare per incoraggiare uno sviluppo aperto del settore. Non abbiamo ancora fallito, ma se non investiamo nel futuro, finirà male».

Alcuni resoconti dei media hanno anche sottolineato che in effetti, la dichiarazione originale di Chaillan era che se gli Stati Uniti d’America non aumentano gli investimenti e non fanno avanzare i piani e i progetti, perderanno nel campo dell’intelligenza artificiale. Per il suo discorso, enfatizzato da terzi, è diventato un argomento ulteriore molto dibattuto nella politica statunitense. Alcuni repubblicani lo usano come contro l’amministrazione di Biden, e altri membri delle forze armate americane lo sfruttano celermente per richiedere maggiori finanziamenti governativi.

Al di là delle argomentazione di polemica e delusione in atto negli Stati Uniti d’America, la notizia ha fatto il giro del mondo. La Reuters ha affermato letteralmente: «La Cina ha vinto la battaglia dell’intelligenza artificiale con gli Stati Uniti e si sta dirigendo verso il dominio globale grazie ai suoi progressi tecnologici, ha detto al Financial Times l’ex capo del software del Pentagono».

Inoltre l’agenzia di stampa britannica ha riportato altre gravi dichiarazioni di Chaillan: «Non abbiamo alcuna possibilità di combattere contro la Cina tra 15 e 20 anni. In questo momento, è già un affare fatto; secondo me è già finito. […] Se ci voglia una guerra o no è una specie di aneddoto».

«La Cina è destinata a dominare il futuro del mondo, controllando tutto, dalle narrazioni dei media alla geopolitica», ha affermato.

Chaillan ha incolpato l’innovazione lenta, la riluttanza delle aziende statunitensi come Google a lavorare con lo Stato sull’intelligenza artificiale e ampi dibattiti etici sulla tecnologia.

Invece Google non era immediatamente disponibile per commenti al di fuori dell’orario di lavoro.

Le aziende cinesi, ha detto Chaillan, sono obbligate a lavorare con il loro governo e stanno facendo «investimenti massicci» nell’intelligenza artificiale senza riguardo all’etica. Che poi la cosidetta etica, sarebbe il rispetto della privacy che – come dimostrato nell’articolo del sottoscritto apparso il 7 ottobre: https://formiche.net/2021/10/internet-privacy-whatsappa-facebook/ – essa è solo una chimera.

Ha detto che le difese informatiche statunitensi in alcuni dipartimenti governativi sono a «livello di scuola materna».

Il 10 ottobre – lo stesso giorno delle dichiarazioni di Chiallan – la Repubblica Popolare della Cina ha pubblicato uno schema per promuovere uno sviluppo standardizzato a livello nazionale nella sua ricerca di uno sviluppo e di una modernizzazione di alta qualità.

Il documento, pubblicato congiuntamente dagli uffici generali del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese e dal Consiglio di Stato, dettaglia le misure per garantire che il Paese raggiunga i suoi obiettivi di sviluppo a lungo termine fino al 2035.

Con i miglioramenti da apportare al sistema di gestione standardizzato, entro il 2035 prenderà forma in Cina un modello di sviluppo guidato dal governo e dal mercato e orientato alle imprese, caratterizzato da partecipazione di massa, apertura e integrazione.

Entro il 2025 verranno apportate riforme al lavoro di standardizzazione, osserva il documento. Sia il governo che il mercato contribuiranno al processo di definizione degli standard, tutti i settori economici saranno coperti dagli standard del settore e la cooperazione internazionale sul lavoro di standardizzazione sarà ampiamente approfondita.

L’eco delle dichiarazioni di Chaillan e i recenti successi cinesi, hanno condotto recentemente alcuni dei più grandi nomi di Wall Street, ad affermare che le prospettive economiche della RP della Cina «sembrano più rosee che mai». La Cina è «troppo grande per essere ignorata», ha riportato di recente «The New York Times».

In effetti, comprendere appieno e prevedere correttamente l’economia cinese è sempre stato un argomento a cui il mondo presta grande attenzione.

Nel corso del decollo economico della Cina negli ultimi decenni, i rumori di previsione di un collasso della Cina sono stati quasi assenti. Tuttavia, l’economia cinese continua a crescere e migliorare e i suoi risultati in termini di sviluppo sono stati indiscutibilmente notevoli. Chi spesso parlava male del mercato cinese veniva spesso schiaffeggiato dalla realtà.

I fatti parlano più delle parole. La Cina ha il suo modo di sviluppare la sua economia e ha accumulato una preziosa esperienza nel corso degli anni. Se le comunità economiche e politiche occidentali tentano ancora di leggere l’economia cinese senza pensare fuori dai vecchi schemi, o rinunciano ai propri pregiudizi, l’economia cinese continuerà a essere per loro un mito.

L’ economia Cinese

Per far crescere efficacemente la sua economia, la Cina è stata in grado di mantenere la coerenza e adattarsi ai cambiamenti.

Mentre il mondo sta attraversando trasformazioni raramente viste in un secolo e allo stesso tempo è alle prese con la pandemia di Covid-19, la Cina non solo ha mantenuto stabili le sue politiche macroeconomiche, ma si è anche preparata a costruire un nuovo modello di sviluppo e promuovere sviluppo della qualità.

Di conseguenza, la Cina è stata l’unica grande economia mondiale che ha registrato una crescita positiva lo scorso anno e la sua economia è cresciuta del 12,7% nella prima metà di quest’anno. Questi risultati hanno dimostrato la forte resilienza dell’economia cinese e hanno iniettato fiducia e slancio nella ripresa economica globale.

Inoltre, la Cina è stata disposta a utilizzare strumenti politici per portare avanti le riforme, stimolare l’innovazione e dare nuovo slancio allo sviluppo.

La Cina ha continuamente migliorato la sua capacità di innovazione scientifica e tecnologica, ottimizzato i servizi governativi e stabilizzato le catene di approvvigionamento industriali in modo che l’economia reale possa essere meglio servita.

«La Cina si concentra sul fare il proprio lavoro. Questa non è solo una scelta giusta, ma anche la fonte di forza per la Cina per continuare a resistere alle pressioni», ha commentato un articolo pubblicato dal più importante quotidiano singaporiano «Lianhe Zaobao» all’inizio di quest’anno.

In questo mondo altamente interconnesso, la Cina crede che giocare al «gioco a somma zero» non sia nell’interesse della comunità internazional. Pechino è sempre stata fermamente votata all’apertura e alla cooperazione e ha sempre cercato di promuovere il proprio sviluppo stimolando lo sviluppo comune di tutto il pianeta.

Nonostante la globalizzazione economica sia stata messa a dura prova, la Cina, con un impegno ancora più forte per l’apertura, ha continuato ad unirsi ad altri in tutto il mondo per costruire un’economia globale aperta.

Ha implementato la legge sugli investimenti esteri, ha ulteriormente aperto il suo settore finanziario in modo ordinato e creato piattaforme come China International Import Expo e China International Fair for Trade in Services per condividere con tutti le sue opportunità di sviluppo.

Ancora più importante, la Belt and Road InitiativeVia della Seta è stata sempre più vista dappertutto come un percorso verso la prosperità, l’innovazione, la salute e lo sviluppo verde.

In tutto il mondo oggi, ci sono sempre più persone che hanno iniziato a riconoscere profondamente che il vigoroso sviluppo economico della Cina ha un significato positivo per l’economia globale, ed è impopolare giocare alle teorie del «disaccoppiamento» e della «minaccia cinese».

E finché coloro che in Occidente sono ancora ossessionati da una visione ribassista del futuro dell’economia cinese, e si baseranno sul loro vecchio modo di pensare e su un profondo pregiudizio ideologico, verranno smentiti più e più volte.

 

 

Commenti