HomePolitica Italiana

VACCINO COVID-19 – APPROVATO EMENDAMENTO CHE NE RICONOSCE ASSENZA GIUSTIFICATA NELLA P.A.

VACCINO COVID-19 – APPROVATO EMENDAMENTO CHE NE RICONOSCE ASSENZA GIUSTIFICATA NELLA P.A.

La PA agli occhi delle PMI: la semplificazione si vede poco, più apprezzati incentivi e agevolazioni
Pa, tutti in presenza entro il 15 di ottobre. Otto condizioni per lo smartworking
Cgia. Nella P.A. una “montagna di sprechi” da 29 mld

“Un primo, importante, risultato nel solco delle iniziative promosse da FLP a tutela dei lavoratori pubblici”, dichiara Marco Carlomagno, Segretario generale della FLPFederazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche commentando l’approvazione da parte della Commissione Affari Costituzionali del Senato di un emendamento con il quale si prevede che “l’assenza dal servizio per tutto il personale a tempo indeterminato e determinato delle Pubbliche amministrazioni derivante dalla somministrazione del vaccino Covid 19  è giustificata e non comporta alcuna decurtazione  del trattamento economico sia fondamentale che accessorio”.

L’emendamento, presentato dai senatori Cangini e Serafini di Forza Italia e Malan e La Russa di Fratelli d’Italia, riformulato dal Governo che ha dato quindi parere favorevole “estende a tutti i dipendenti del pubblico impiego  – dice Carlomagno – i benefici già precedentemente concessi solo ad alcune categorie, sanando in tal modo una differenziazione di trattamento per la giustificazione della giornata vaccinale.”

Ora dopo il passaggio in Aula, il testo passerà alla Camera per l’approvazione che dovrà avvenire entro il 25 gennaio 2022. I tempi così ristretti inducono a ritenere che, nel passaggio al secondo ramo del Parlamento, il testo non subirà modifiche.

“Continua però”, dichiara Carlomagno, “il nostro pressing e l’attività di sensibilizzazione di tutte le forze politiche per raggiungere nella discussione in Aula un secondo, indispensabile obiettivo: quello che i periodi di malattia eventualmente insorgenti a seguito della somministrazione vaccinazione siano equiparati, e quindi non soggetti a decurtazione dei trattamenti economici spettanti”.

 

Commenti