HomeMercato finanziario

Politiche attive, maxi piano del Governo per andare in “GOL”

Percorsi personalizzati e 4,9 miliardi per ricollocare chi perde il posto

Politiche attive, maxi piano del Governo per andare in “GOL”

Un finanziamento complessivo di 4,9 miliardi tra Pnrr e React-Ue: il Governo è pronto a lanciare il maxi piano messo a punto dal ministro Andrea Orlan

Le prospettive economiche per il 2022 nell’ Area Euro
L’emergenza lavoro si può vincere con meno ideologia. Parla Magatti
Il bilancio del primo trimestre dei mercati finanziari

Un finanziamento complessivo di 4,9 miliardi tra Pnrr e React-Ue: il Governo è pronto a lanciare il maxi piano messo a punto dal ministro Andrea Orlando che, nelle intenzioni dell’esecutivo, segnerà il rilancio, a partire da settembre, di politiche attive e formazione, anticipato oggi da IlSole24Ore che spiega il meccanismo di funzionamento di Gol, la “Garanzia di occupabilità dei lavoratori”.

Circa trenta slide per descrivere gli obiettivi, rigorosamente concordati con l’Europa: almeno tre milioni di “beneficiari” entro il 2025, dei quali almeno, il 75% devono essere donne, disoccupati di lunga durata, persone con disabilità, giovani under30, lavoratori over55. Ancora qualche numero: almeno 800mila dovranno essere coinvolti in attività di formazione, di cui 300mila per il rafforzamento delle competenze digitali.
Decisamente ampia la platea: lavoratori in Cig ma anche i beneficiari di Naspi e Dis-coll, del reddito di cittadinanza, i lavoratori fragili o vulnerabili (come ad esempio Neet, disabili, donne in condizioni di svantaggio, over55), i disoccupati senza sostegno al reddito, i cosiddetti working poor (che versano in condizione di precarietà).
Previsti, in base allo status occupazionale, “quattro percorsi – quanto più possibile personalizzati – di sostegno alla ricollocazione, più un quinto, distinto dai primi quattro, nei casi di crisi aziendali”.

Servirà un decreto interministeriale per finalizzare il programma Gol, che dovrà essere condiviso con le Regioni. Per fine mese, in programma un incontro tra gli assessori regionali, qualche giorno dopo, il 2 settembre, si farà il punto con il Ministro Orlando. Si punta a partire entro settembre, in anticipo di tre mesi rispetto alla tabella di marcia definito con l’UE.

Fonte: Teleborsa

Commenti