HomeMercato finanziario

Borsa Italiana in rialzo in avvio di ottava, bene le banche

Avvio di ottava contrastato tra i maggiori indici azionari italiani ed europei.

Borsa Italiana in rialzo in avvio di ottava, bene le banche

Avvio di ottava contrastato tra i maggiori indici azionari italiani ed europei. Dopo primi scambi in rosso, il *Ftse Mib *accumula un vantaggio dello

Sale of $2.5 billion Vimpelcom stake still in planning stage: Telenor CEO
China to Expand Policy Support for Exporters, Xinhua Says
Crisi Coronavirus, BCE a sostegno dell’economia

Avvio di ottava contrastato tra i maggiori indici azionari italiani ed europei. Dopo primi scambi in rosso, il *Ftse Mib *accumula un vantaggio dello 0,45% sul riferimento. Bene anche il *Ftse Italia All Share *(+0,42%). Appaiono invece ancora in calo frazionari il *Dax *tedesco (-0,05%) e il *Cac40 *francese (-0,13%). Poco mosso il sovereign UE con il rendimento del *BTP *decennale italiano in rialzo di un punto base allo 0,88% e lo spread in parallela crescita a 109 punti base. Venerdì *Fitch *ha confermato il merito di credito dell’Italia a BBB- con outlook stabile.

Il weekend appena trascorso è stato denso di novità per i mercati internazionali con l’accordo storico in sede *G7 *per la promozione di una tassazione minima globale delle imprese del 15%

All’uscita dal meeting, inoltre, la segretaria del Tesoro Usa *Janet Yellen *ha incoraggiato gli stati ad andare avanti con le manovre di sostegno alla ripresa economica, ha promosso il piano di spesa da 4 mila miliardi di dollari del presidente statunitense Joe Biden e ha affermato che sarà un bene anche in caso di conseguente incremento dell’inflazione e dei tassi d’interesse. A Bloomberg l’ex numero della Fed ha dichiarato: “Se dovessimo finire in un ambiente di tassi d’interesse leggermente maggiori, esso sarebbe in realtà un di più dal punto di vista della società e della Fed”. La Yellen ha aggiunto che stiamo combattendo inflazione e tassi d’interesse troppo bassi da ormai un decennio. Chiaramente le prospettive di un eventuale rincaro dei tassi Usa potrebbe pesare sui mercati azionari di Wall Street (e non solo).

In *Cina *stamane sono stati pubblicati i saldi della bilancia commerciale di maggio che mostrano un avanzo di 45,5 miliardi in dollari in aumento rispetto al dato precedente, ma inferiore alle stime di un surplus di oltre $ 50,5 mld. A guidare i rialzi dell’azionario italiano contribuiscono in maniera importante i titoli del credito con il Ftse Italia Banche che guadagna lo 0,9% e performance brillanti per *Unicredit *(+2,94%), *Banco BPM *(+2,27%) e *Bper Banca *(+1,58%). Unicredit si avvantaggia del nuovo buy di Jefferies con target a 12,25 euro, la banca d’affari taglia invece a hold con a tp 2,5 euro il titolo di Intesa (-0,62%). Si è anche appreso che Amber è scesa al 3% della *Pop Sondrio *(-0,19%) mentre *Mps *cede lo 0,28% e, secondo Reuters, non intenderebbe rivedere gli accordi di distribuzione con Anima (+0,73%).

Nel listino principale si fa notare *Interpump *(+1,89%) il cui cda ha dato mandato per l’acquisto di 500 mila azioni proprie tra oggi e la fine di settembre.

Contrastati invece i petroliferi con il greggio in calo dopo i recenti recuperi (Brent -0,68% a 71,4 dollari al barile). *Eni *cede lo 0,52%, Saipem l’1,46% e Tenaris invece guadagna lo 0,17 per cento.

Sul riferimento *TIM *che secondo Il Sole 24 Ore di sabato starebbe incrementando i contatti della controllata della rete secondaria in fibra Fibercop con varie utility. L’attenzione generale è sempre per il progetto della rete unica con CDP che potrebbe accelerare dopo il ricambio ai vertici di quest’ultima. Anche se il ministro dell’innovazione tecnologica Colao ha preso le distanze da questo progetto che è in effetti in forte impasse negli ultimi mesi.

Male *STM *(-0,93%).

Tra i minori *Sicit *cede lo 0,89% a 16,65 euro dopo il via libera Consob all’Opa di Circular BidCo a 15,45 euro.

Fonte : www.trend-online.com

Commenti