HomeMercato finanziario

Piazza Affari pronta al riscatto

Piazza Affari pronta al riscatto

Ftse Mib in rialzo nel giorno della BCE, spread in riduzione
Borsa Oggi, 14 maggio 2021: Ftse Mib parte con il segno più
Broker esteri cauti su Banco Bpm, ma per Goldman Sachs vale 2,62 euro in caso di M&A

PIAZZA AFFARI MILANO PALAZZO DELLA BORSA ESTERNI VALORI

Il recupero delle ultime settimane ha reso un po’ meno amaro il 2016 di Piazza Affari, che in ogni caso si appresta a chiudere l’anno come una delle peggiori borse occidentali. Colpa soprattutto della performance negativa del settore bancario, che a Milano conserva un peso preponderante. Ma proprio da qui potrebbe partire il riscatto del nuovo anno, considerato che i multipli dei titoli quotati alla Borsa Italiana sono più bassi rispetto alla media internazionale.

Il contesto macro. Il trend della crescita economica non dovrebbe discostarsi granché da quanto si è visto negli ultimi trimestri: il Pil, visto in crescita dello 0,8% nell’intero 2016, dovrebbe salire dello 0,9% nel 2017 e dell’1% nel 2018, secondo l’outlook elaborato dall’Ocse. Questo a bocce ferme perché poi occorrerà fare i conti con eventuali sorprese in corso d’opera. Al livello dell’area euro, la crescita sarà dell’1,7% nel 2016, dell’1,6% nel 2017 e dell’1,7% nel 2018, per cui l’Italia continuerà a performare peggio rispetto al Vecchio Continente.
L’ostacolo principale per il nostro Paese resta l’elevato debito pubblico (al 132% del Pil) che comporta un enorme esborso di denaro per pagare gli interessi sui titoli di Stato, somme che vengono sottratte al finanziamento per la crescita. Per il 2017 il Centro studi Confindustria prevede che il rapporto deficit/Pil si attesterà al 2,5%, un decimale in più rispetto all’anno in corso, per salire ulteriormente al 2,6% nel 2018.

italiaoggi.it

Commenti