HomeItalian Enterprises

LEONARDO A INDO DEFENCE EXPO & FORUM CON TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA SU MARE E TERRA

LEONARDO A INDO DEFENCE EXPO & FORUM CON TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA SU MARE E TERRA

Il successo delle imprese italiane al Florida International Trade and Cultural Expo
Ue: chiuse le consultazioni per le nuove regole di bilancio, trappola per l’ Italia?
Messico: primo produttore mondiale di litio

Leonardo partecipa a Indo Defence Expo & Forum 2022, tra i principali eventi dedicati alla difesa e alla sicurezza del Sud Est asiatico. Durante l’evento, in programma a Jakarta dal 2 fino al 5 novembre, l’azienda presenterà le sue tecnologie multi-dominio sviluppate per rispondere alle necessità di Istituzioni e Forze Armate, con l’obiettivo di consolidare la propria posizione di partner affidabile del Governo e dell’industria della difesa indonesiana.

Supporto strategico della Marina Militare italiana da oltre 70 anni e riferimento per numerose Forze Navali nel mondo, l’azienda promuove a Jakarta le sue tecnologie sviluppate per il pieno controllo dello scenario, frutto di continui investimenti in settori chiave, quali Intelligenza Artificiale, automazione, processamento dati e gestione delle informazioni. Tra queste, il Combat Management System (CMS) ad architettura aperta, capace di integrare e coordinare in tempo reale tutte le informazioni provenienti dai vari sensori, garantendo una piena situational awareness e una capacità di reazione immediata, in ogni contesto. Il CMS di Leonardo è integrato, così come il Naval Cockpit di Leonardo – che applica alla nave concetti mutuati dai sistemi avionici -, anche sui Pattugliatori Polivalenti d’Altura (PPA) della Marina Militare. Le soluzioni navali di Leonardo vanno dai sistemi di comando e controllo, ai sensori, sistemi d’arma, subacquei, optronici, di comunicazione, velivoli ad ala fissa, elicotteri fino alle piattaforme unmanned.

Per quanto riguarda sistemi d’arma e munizionamento, Leonardo è a Indo Defence con il 76/62 Super Rapido (SR), in grado di garantire prestazioni senza eguali e massima flessibilità in ogni ruolo di difesa aerea e di superficie. In esposizione accanto al sistema, scelto da diverse Marine nel mondo, la torretta navale di piccolo calibro completamente sviluppata e progettata da Leonardo Lionfish, e la Marlin 40, in servizio con 30 Marine internazionali. In ambito underwater, Leonardo promuove in Indonesia il siluro pesante di nuova generazione Black Shark, progettato per essere lanciato da sottomarini o unità di superficie.

A Jakarta il radar per la difesa aerea di lungo raggio RAT31DL/M, selezionato nel Paese nel 2019. Il sensore può essere schierato a supporto di operazioni in campo di battaglia e sorveglianza dei confini come sistema primario, contro ogni tipo di minaccia. In stand anche il nuovo AESA Tactical Multi Mission Radar (TMMR), sviluppato per intercettare, classificare e tracciare bersagli piccoli e agili, come i droni. Accanto a queste soluzioni, il sistema di sorveglianza ATOS (Airborne Tactival Observation System), avanzato sistema avionico basato su un’architettura aperta e modulare che integra e gestisce i sensori di sorveglianza del velivolo, garantendo la massima efficacia nel controllo di vaste aree terrestri e marittime.

Forte di una presenza crescente nell’area, Leonardo promuove nella regione sud-est asiatica diversi modelli di elicottero concepiti per operazioni multi-missione, tra cui Search and Rescue (SAR), Law Enforcement e ruoli militari. Tra questi, l’elicottero militare medio di ultima generazione AW149, capace di rispondere alle nuove esigenze operative delle Forze Armate in diverse aree geografiche e l’AW169, dotato, tra l’altro, di capacità APU mode, in grado di utilizzare uno dei due motori per alimentare i principali sistemi di bordo mantenendo i rotori fermi a terra. In mostra a Jakarta anche l’AW139, il bimotore più venduto della sua categoria con oltre 1.100 unità in servizio in tutto il mondo. L’elicottero combina alte prestazioni, affidabilità, tecnologie all’avanguardia e caratteristiche di sicurezza eccezionali.

Commenti