HomeItalian Enterprises

Le fusioni e le acquisizioni di gas e petrolio che ostacolano la transizione energetica

Mentre il trasferimento di asset può aiutare le major del petrolio e del gas ad eseguire i loro piani di transizione energetica, non aiuta a ridurre le emissioni globali di gas serra

Le fusioni e le acquisizioni di gas e petrolio che ostacolano la transizione energetica

Il consolidamento del mercato petrolifero e del gas mette a rischio le azioni climatiche dell’industria. È quanto emerge dal nuovo rapporto di Edf+Bus

Pneumatici usati: dove finiscono e come si riciclano
Researchers explore how Antarctic ice sheets will respond to climate change and global sea level rise
Chimica, idrogeno, nucleare: cosa fa l’Italia nei tre settori per un’economia sostenibile

Il consolidamento del mercato petrolifero e del gas mette a rischio le azioni climatiche dell’industria. È quanto emerge dal nuovo rapporto di Edf+Business secondo cui, tra il 2017 e il 2021, il numero di operazioni che hanno trasferito attività inquinanti da una società con forti obiettivi ambientali ad altre prive di impegni di questo genere sono raddoppiati. Anche se le compagnie petrolifere e del gas vendono beni per numerose ragioni finanziarie spesso non legate alla strategia net zero, il trasferimento delle attività può incidere significativamente sul rispetto ambientale e peggiorare le emissioni.

“L’analisi mostra che ogni anno centinaia di risorse petrolifere e di gas si spostano dalle compagnie con impegni sul clima a quelle senza. Vendere beni ad acquirenti con meno riguardo per il clima, e potenzialmente per la salute, la sicurezza e le pratiche della comunità, compresi i diritti degli indigeni, non solo sposta le emissioni, ma rende il problema sostanzialmente peggiore”, ha detto Diana Glassman, direttore dell’impegno di Federated Hermes. “Ci aspettiamo che i venditori e i banchieri assicurino il trasferimento degli asset a operatori responsabili, poiché questo va a beneficio del pianeta e riduce la loro esposizione a potenziali danni di reputazione e responsabilità future. Ci aspettiamo anche che tutti i partecipanti lungo la catena del valore, compresi midstream e clienti, giochino un ruolo costruttivo, quando possibile, durante il processo di assegnazione dei contratti e chiedendo trasparenza ai partner commerciali dell’upstream”.

Quattro casi di studio illustrativi del report di Edf

“Le transazioni finanziarie sono una funzione essenziale dei nostri mercati e rimarranno uno strumento importante per qualsiasi azienda in qualsiasi settore”, ha detto Mary Schapiro, vice presidente della Glasgow Financial Alliance for Net Zero. “Ciò che i mercati hanno bisogno di capire rispetto a queste transazioni è se i nuovi proprietari stanno stabilendo la governance necessaria per una gestione del clima in linea con un futuro netto zero. GFANZ sostiene gli sforzi per finanziare la riduzione delle emissioni in tutta l’economia, non solo il trasferimento delle emissioni attraverso la sola cessione. Questo rapporto fornisce alcune intuizioni per questa sfida con idee innovative per aiutare a risolverle”.

Questa intuizione arriva sulla scia dell’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change che il segretario generale dell’ONU definisce “una litania di promesse climatiche non mantenute.” Il rapporto ha inoltre osservato che accelerare l’abbandono dei combustibili fossili è fondamentale per limitare il riscaldamento globale a 1,5º C e proteggere le persone e il pianeta da pericolose alterazioni del clima. Dalla fine del 2020, 12 grandi compagnie pubbliche di petrolio e gas hanno annunciato impegni netti zero, ma questi impegni potrebbero mancare di impatto senza una maggiore supervisione dell’inquinamento climatico derivante dall’attività di fusioni e acquisizioni.

Flusso di affari da pubblico a privato

Una quantità significativa di dealmaking di petrolio e gas a monte ha avuto luogo negli ultimi anni. Il valore delle transazioni nel 2021 ha totalizzato 192 miliardi di dollari, superando il valore annuale degli anni precedenti. Il numero di accordi nel 2021 è stato di 498, superando il numero dei precedenti anni.

Negli ultimi cinque anni, le operazioni da pubblico a privato hanno costituito la quota prevalente superando il numero di trasferimenti da privato a pubblico del 64%. Tradizionalmente, i mercati privati hanno meno trasparenza e hanno impegni ambientali minori rispetto a quelli pubblici.

Per tracciare i cambiamenti nelle performance climatiche in seguito alle vendite di asset, il rapporto Edf+Business ha valutato le performance climatiche prima e dopo le vendite in base ai rischi di emissioni sia a breve che a lungo termine, utilizzando gli indicatori di performance del flaring (a breve termine) e dei pozzi inattivi (a lungo termine).

I casi di studio nel rapporto includono:

– Vendita nel luglio 2021 delle attività del Bacino Permiano, Texas, da APA Corporation (Apache), una società pubblica, a Slant Operating, un operatore sostenuto dal private equity L’analisi mostra che Slant probabilmente tapperà i pozzi inattivi acquisiti a un ritmo significativamente più lento di quanto avrebbe fatto Apache.

 

– Marzo 2021 vendita del bacino del Delaware, Texas, beni da Oasis Petroleum, una società pubblica, a Percussion Petroleum II, un operatore sostenuto da private equity. Dalla vendita, Percussion ha completato sette nuovi pozzi e ha mantenuto l’alta intensità di flaring dell’asset, anche se il flaring nel Delaware Basin è diminuito.

– Gennaio 2020 vendita degli asset del Golfo di Suez, Egitto, da bp, una società pubblica, a Dragon Oil, una filiale della compagnia petrolifera nazionale.  Un netto aumento del flaring si è verificato dopo la vendita – con un flaring più di quattro volte superiore ai livelli pre-vendita.

– Gennaio 2021 vendita delle attività del Delta del Niger, Nigeria, da Shell e Total Energies, società pubbliche, a Trans-Niger Oil & Gas, un operatore sostenuto da private equity. Trans-Niger Oil & Gas prevede di triplicare la produzione di petrolio in quest’area, e un drammatico aumento del flaring è stato registrato dopo la vendita.

Gli investitori sostengono la gestione delle M&A per il clima

“Questa importante analisi suggerisce che, inavvertitamente o come parte di una strategia deliberata per ridurre la sorveglianza ambientale, l’M&A di petrolio e gas sta provocando un aumento delle emissioni che ritarda la transizione energetica”, ha detto Dan Gardiner, specialista in cambiamenti climatici presso l’Institutional Investors Group on Climate Change. “Gli investitori istituzionali impegnati a raggiungere lo zero netto nei loro portafogli, e nel mondo reale, vorranno esaminare attentamente questi risultati. Incoraggiare una buona gestione e chiudere questa scappatoia può richiedere, in ultima analisi, un miglioramento delle informazioni sulle parti che comprano, vendono e finanziano”, ha concluso Gardiner.

Dal 2017, cinque delle sei maggiori banche statunitensi – che sono tutte membri della Net Zero Banking Alliance – hanno incassato oltre 177 miliardi di dollari in commissioni da operazioni a monte. “Le aziende energetiche allineate al clima hanno la responsabilità di assicurarsi che quando vendono attività, i loro impegni ambientali continuino ad essere onorati dai nuovi proprietari”, ha detto Patrick O’Connell, vicepresidente senior e direttore della ricerca sugli investimenti responsabili a reddito fisso di AllianceBernstein. “Una divulgazione adeguata e coerente sarà la chiave per garantire che le emissioni delle attività siano gestite dopo una vendita”.

Fonte: Firstonline.it

Commenti