HomeInternational Banking News

Morire a 16 anni (dopo un mese di coma) per non aver indossato il velo.

Morire a 16 anni (dopo un mese di coma) per non aver indossato il velo.

A cura di Paola Bergamo Fonte: Linkedin Si è spenta Armita Geravand picchiata dalla “polizia morale” dicono alcuni testimoni. È sconcertante un

Pensioni, divario di genere: per le donne 500 euro in meno
La diversità è un pregio, coltiviamolo
Il potere delle donne

A cura di Paola Bergamo

Fonte: Linkedin

Si è spenta Armita Geravand picchiata dalla “polizia morale” dicono alcuni testimoni.
È sconcertante una volta di più l’uso dell’ aggettivo “morale”…perché se la radice è “mores” e Paesi come l’Iran sono una Teocrazia da leggi ferree, di fatto si è comunque spezzata la vita di una giovane donna.
La morte di Armita riaccenderà la rabbia popolare. Le donne di Teheran continuano a sfidare la legge iraniana sull’obbligo del velo, o hijab, come segno del loro malcontento nei confronti della teocrazia iraniana.
Mi chiedo, qualunque sia il Dio in cui si creda, se si possa convivere con il peso sulla coscienza, di tante vite spezzate per ciuffi di capelli svolazzanti o per un foulard non indossato o indossato male…
I funzionari iraniani hanno però continuato a negare qualsiasi contatto fisico.
Resta il fatto che Armita non indossava il velo e che per un velo si è spenta proprio come Mahsa “Jina” Amini, la 22enne curda arrestata dalla polizia morale del Paese perché indossava male l’hijab e morta dopo le percosse subite nel centro di reclusione.

Commenti