HomeInternational Banking News

Medioriente: la politica Usa è un autogoal

Medioriente: la politica Usa è un autogoal

Ong: un report rivela chi finanzia l’ industria del carbone
Pechino concede agli USA 250 miliardi di yuan per investimenti in Cina
Tigre Asiatiche: sorpassano la Cina
Mentre gli Stati Uniti dominano militarmente nella competizione con la Cina come principale fornitore di armi del Golfo, devono ancora trovare un modo efficace per sfruttare il proprio vantaggio

Nel clamore della recente visita del Presidente cinese Xi Jinping in Arabia Saudita è mancato il fatto che nessuna parte del mondo si presta più del Medio Oriente a mettere in pratica la visione dell’amministrazione di un mondo in cui gli Stati Uniti e la Cina cooperano e competono contemporaneamente.

Eppure, il confronto tra gli onori rivolti a Xi con l’accoglienza modesta e umiliante del Presidente Joe Biden quando si è recato in pellegrinaggio a Jeddah a luglio per riparare le relazioni legittimamente tese con il regno dimostra che la politica degli Stati Uniti sta fallendo.

Invece di garantire parità di condizioni, la politica statunitense crea un’opportunità per la Cina.

“La Cina sta facendo un gioco a lungo termine, sia per se stessa, sia per ostacolare e confondere gli obiettivi americani in Eurasia. Le vendite di armi mediorientali della Cina, le basi militari proposte e i contratti e gli acquisti di futures denominati in yuan apportano dimensioni militari e finanziarie alla concorrenza sino-americana nel Golfo. Gli Stati Uniti non sono preparati a questa sfida”, ha affermato la studiosa Lucille Greer in un libro appena pubblicato.

A dire il vero, il cattivo sangue gioca un ruolo nei problemi tra Stati Uniti e Arabia Saudita.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman non perdonerà Biden per averlo ritenuto pubblicamente responsabile dell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018, anche se a parole piuttosto che con i fatti, e per l’ottica della dura risposta verbale dell’amministrazione al rifiuto del regno di spingere l’OPEC+, il cartello dei Paesi produttori di petrolio più la Russia, per aumentare la produzione.

Anche così, la visita di Xi, nonostante le ambizioni cinesi a lungo termine, intendeva tanto rafforzare la mano del Golfo nel chiedere chiarezza sul futuro impegno degli Stati Uniti per la sicurezza della regione e voler formalizzare accordi quanto riguardava la Cina che capitalizzava politicamente ed economicamente sulle tensioni nelle relazioni USA-Arabia Saudita.

La sicurezza del Golfo è un interesse cinese, non solo del Golfo, con la regione che soddisfa più della metà del fabbisogno cinese di petrolio e gas. In altre parole, la Cina, riluttante e incapace di sostituire gli Stati Uniti in tempi brevi, è interessata quanto gli Stati del Golfo a porre fine all’incertezza sull’affidabilità degli Stati Uniti come garante della sicurezza.

Data l’animosità personale tra Bin Salman e Biden, l’Arabia Saudita ha lasciato principalmente agli Emirati Arabi Uniti il ​​compito di precisare cosa vuole il Golfo dagli Stati Uniti.

Parlando tre settimane prima della visita del leader cinese, Anwar Gargash, consigliere diplomatico del Presidente degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed, ha insistito sul fatto che “la nostra principale relazione di sicurezza strategica rimane inequivocabilmente con gli Stati Uniti… Tuttavia, è fondamentale trovare un modo per garantire che possiamo fare affidamento su questa relazione per i decenni a venire attraverso impegni chiari, codificati e univoci”.

In risposta, gli Stati Uniti dovranno farlo di più che stabilire linee rosse  per quanto riguarda le reti e le infrastrutture critiche come ha fatto un alto funzionario del Pentagono Colin Kahl in una recente conferenza sulla sicurezza in Bahrain.

Per colmare il crescente divario di fiducia, gli Stati Uniti dovranno rispondere in termini positivi e ispiranti fiducia alla richiesta di Gargash.

 Xi ha dimostrato di comprendere l’efficacia di essere attenti alle preoccupazioni del Golfo quando ha accettato durante la sua visita una dichiarazione congiunta che ha sottolineato la necessità di “rafforzare la cooperazione congiunta per garantire la natura pacifica del programma nucleare iraniano” e che l’Iran rispetti ” principi di buon vicinato”.

Il riconoscimento era in linea con la politica cinese, ma è servito da rassicurazione all’Arabia Saudita date le strette relazioni della Cina con l’Iran.

L’Arabia Saudita si preoccupa di un Iran che potenzialmente è una potenza nucleare di soglia e sostiene le milizie non statali in vari Paesi mediorientali.

A dire il vero, gli Stati Uniti hanno a lungo affrontato le ambizioni iraniane.

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno interesse ad essere espliciti piuttosto che impliciti nella loro risposta alla richiesta articolata da Gargash, anche se questa potrebbe essere una patata bollente politica a Washington.

Sin dai tempi del Presidente Barak Obama, gli Stati Uniti hanno alimentato i dubbi parlando di un ‘perno verso l’Asia’ e l’attenzione di Biden sull’Indo-Pacifico .

Basta uno sguardo superficiale a una mappa per riconoscere che non esiste una strategia praticabile indo-pacifica che non includa il suo fianco occidentale, il Mar Arabico.

Con il Golfo, gli Stati Uniti e la Cina in accordo fondamentale sul mantenimento dell’attuale architettura di sicurezza del Medio Oriente, le vendite militari cinesi, la cooperazione nucleare e la tecnologia, in particolare le sue applicazioni nucleari, militari e a duplice scopo, saranno probabilmente le principali linee del fronte nella competizione regionale USA-Cina.

Ciò non ha impedito a Huawei Technologies di firmare un accordo durante la visita di Xi in relazione al cloud computing, ai data center e alla costruzione di complessi ad alta tecnologia nelle città saudite, nonostante gli avvertimenti statunitensi secondo cui le reti e le apparecchiature prodotte da aziende cinesi come Huawei potrebbero contenere tecnologie per raccogliere informazioni che sono incorporate in modi che le rendono non rilevabili.

Mentre gli Stati Uniti dominano militarmente nella competizione con la Cina come principale fornitore di armi del Golfo, devono ancora trovare un modo efficace per sfruttare il proprio vantaggio.

In una certa misura, gli Stati Uniti sono ostacolati dalle loro condizioni giustificate sulle vendite che gli hanno impedito di vendere all’Arabia Saudita droni e missili balistici all’avanguardia, aree in cui le armi cinesi hanno fatto breccia nel regno .

A ragione, anche gli Stati Uniti impongono severe condizioni normative alle proprie vendite nucleari. Anche così, gli Stati Uniti hanno carte vincenti che possono giocare.

Al di là dell’accordo che gli Stati Uniti hanno un ruolo primario da svolgere e della vendita di armi, sono gli Stati Uniti piuttosto che la Cina che stanno aiutando l’Arabia Saudita a completare una revisione della sua architettura di difesa e sicurezza nazionale , la riforma militare più radicale dalla creazione del regno nel 1932.

Le riforme mirano a consentire al regno di difendersi, assorbire e utilizzare i sistemi d’arma statunitensi e dare significativi contributi militari e di difesa alla sicurezza regionale, secondo l’analista politico-militare ed ex funzionario del Pentagono Bilal Y. Saab.

“Attraverso il veicolo della riforma della difesa, l’amministrazione Biden ha l’opportunità di coinvolgere i sauditi su questioni critiche di sicurezza nazionale salvaguardando gli interessi strategici degli Stati Uniti e onorando i valori americani”, ha affermato Saab.

È una forma saggia di assistenza statunitense che non è politicamente controversa, non costa molto denaro ai contribuenti statunitensi e non richiede una significativa presenza statunitense sul campo. È forse l’unico modo per resettare il rapporto attualmente teso ricostruendo gradualmente la fiducia tra le due parti“, ha concluso Saab in uno studio dettagliato.

Finora, l’assistenza degli Stati Uniti è continuata ininterrottamente nonostante le tensioni nelle relazioni.

Tuttavia, per riportare la relazione su una chiglia equilibrata e garantire una maggiore sensibilità saudita e del Golfo alle preoccupazioni degli Stati Uniti, gli Stati Uniti dovranno trovare un modo per offrire agli Stati del Golfo la chiarezza e l’impegno di cui hanno bisogno in modi politicamente fattibili a casa.

Potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi con un’amministrazione che spesso ritrae un mondo sempre più complesso in termini binari in bianco e nero.

Fonte: Lindro.it

Commenti