HomeEuropean Banking News

Ubi, firmato il contratto per le tre good bank

Ubi, firmato il contratto per le tre good bank

Renzi al G7: l’Italia è tornata solida, stabile e credibile
Gordon Brown’s Brexit advice: the UK should ‘lead not leave’
L’Europa multa Credite Agricole, Hsbc e JPMorgan: avevano fatto un cartello sui derivati

L’operazione dovrebbe chiudersi entro il primo semestre. Resta da completare il capitolo Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara. Analisti divisi. Kepler alza il target price da 3 a 4,3 euro, Mediobanca scettica

Ubi Banca ha sottoscritto il contratto di compravendita per l’acquisto del 100% del capitale di Nuova Banca delle Marche, Nuova Banca dell’Etruria e del Lazio e Nuova Cassa di Risparmio di Chieti dopo aver presentato l’offerta lo scorso 11 gennaio. Lo ha comunicato la banca ieri in tarda aerata a Borsa Italiana.
Il perfezionamento dell’operazione, scrive Ubi, “è indicativamente atteso nel primo semestre 2017, una volta soddisfatte le necessarie condizioni e ottenute le autorizzazioni prescritte”. Termini e condizioni dell’operazione erano stati presentati lo scorso 12 gennaio.
La notizia giunge dopo che era arrivata ieri il via libera della Banca d’Italia alla cessione delle tre good bank a Ubi. Il Direttorio della Banca d’Italia ha infatti deliberato la stipula del contratto per la cessione all’istituto lombardo di Nuova Banca delle Marche, Nuova Banca dell’Etruria e del Lazio e Nuova Cassa di Risparmio di Chieti Spa, per il corrispettivo di 1 euro.
Prenderà il via ora il processo di autorizzazione da parte delle autorità coinvolte, Bce e Commissione Ue (dovrebbe durare tre mesi), così come la fase esecutiva prevista entro l’estate. L’acquisto è subordinato ad un aumento di capitale da 450 milioni per le tre good banks e da 400 milioni per Ubi Banca , per poter mantenere già quest’anno un Cet1 fully loaded superiore all’11%.
L’altra condizione è la cessione, da parte di Nuova Banca delle Marche, dell’Etruria e di Carichieti, di 2,2 miliardi di euro di crediti deteriorati, che verranno rilevati dal fondo Atlante.
L’ultimo snodo ora nel dossier good bank rimane la cessione di Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara. L’impegno dell’unità di risoluzione di Bankitalia ora si concentrerà, quindi, nella chiusura delle trattative in corso con Bper .
Le quattro banche regionali sono nate dal salvataggio nel novembre del 2015 di Banca Etruria , Banca Marche, Carife e Carichieti, un processo che ha richiesto intorno ai 5 miliardi di euro, costo sostenuto dal sistema bancario italiano e per circa 190 milioni dallo Stato per i rimborsi destinati ai piccoli investitori.
Gli analisti oggi sono divisi sulla nuova Ubi. Positiva Kepler Cheuvreux che alza il target price sulla banca da 3 a 4,3 euro (giudizio Buy) sostenendo che l’acquisizione accresce il valore dell’istituto di credito. Infatti Ubi può ampliare i sui asset del 20% con una quota di mercato in Italia del 5% circa.
ANALISTI. Secondo gli analisti, assumendo il contributo di un miliardo di euro di utile netto nel 2020 dalle tre banche acquisite più 0,2 miliardi di badwill reversal (Ubi stima di poter rilevare a patrimonio tra il 40% e il 60% del badwill), Ubi mira a raggiungere 1,2 miliardi di utile netto di gruppo nel 2020 (12,7% di Rote), contro una stima più conservativa di 0,8 miliardi (8,5% il Rote) di Kepler. In ogni caso gli esperti vedono l’operazione sicuramente positiva per il valore aggiunto sulla banca.
Mediobanca Securities (neutral, target price 3,5 euro) sostiene invece che la storia societaria di Ubi di fatto non è cambiata, visto che “I ratios di copertura restano sotto la media e il Cet1 sarebbe 150 punti sotto la media dei concorrenti con benefici posposti nel breve termine (2019-2020)”.
Assumendo che il braek-even delle banche acquisite arrivi nel 2018, Mediobanca stima che il Rote (Return on tangible equity) di Ubi al 7,2% sarebbe sostenuto da benefici fiscali una tantum, esclusi i quali il Rote scenderebbe al 6% circa nel 2018.

milano finanza

Commenti