HomeEuropa e economia

Nouy: “I Npl restano un grande problema”

Nouy: “I Npl restano un  grande problema”

Abi. Mercoledì l’esame dell’addendum della Bce
Addendum Npl entro marzo. Nouy: “Le banche si tengano pronte”
Nouy replica ai pareri di Europalamento e Consiglio Ue

La presidente del meccanismo unico di Vigilanza (Ssm) Danièle Nouy, durante la conferenza stampa annuale a Francoforte, ha affermato che  rilancio della redditività e risanamento dei bilanci sono le due priorità, che le banche dell’area euro devono portare avanti in questa fase. Questi due aspetti sono ovviamente tra loro correlati e sul risanamento dei bilanci un capitolo chiave è rappresentato dalla riduzione dei crediti deteriorati (Npl o Non performing loans).

Complessivamente nel terzo trimestre la mole di Npl nelle banche ammontava a 760 miliardi di euro. Nouy ha rilevato che anche se sono diminuiti rispetto agli anni scorsi di circa 200 miliardi “restano un grande problema” : frenano la redditività, la capacità delle banche di erogare prestiti e creano incertezza.

La presidente del meccanismo unico di Vigilanza ha insistito: “Le banche devono sfruttare questa fase economica positiva per ridurli”. La Vigilanza Bce completerà “per metà marzo circa” la versione definitiva del suo addendum alle linee guida sui requisiti di accantonamento per gli Npl. Nouy ha concluso: “Le banche si tengano pronte”.

Commenti