HomeCommunication & Tecnologies

Benetton: maxi progetto Sd- Wan per oltre 300 sedi, in campo Tim e Sparkle

Firmato un accordo per la realizzazione di infrastrutture di nuova generazione e per accelerare la digital transformation di uffici, negozi e siti produttivi in Europa, Africa e Asia

Benetton: maxi progetto Sd- Wan per oltre 300 sedi, in campo Tim e Sparkle

Cybersicurezza, in Italia 903 attacchi settimanali ad aziende
Cybersicurezza: ridurre il digital divide e investire nelle aziende italiane
Aziende italiane: boom della robotica, le installazioni crescono del 50% e toccano livelli record

Tim e Sparkle firmano un accordo con il gruppo Benetton per accelerare il processo di digitalizzazione delle sue sedi nel mondo con connessioni sicure e a bassa latenza in oltre 300 uffici, negozi e siti produttivi.

Sarà infatti grazie alla soluzione sviluppata dal gruppo Tim con Sparkle, denominata Software-defined wide area network (Sd Wan), che il gruppo veneto potrà semplificare la propria architettura di rete privata, ottenendo un controllo più efficiente e in tempo reale delle proprie applicazioni.

 Accesso al sistema informativo anche in mobilità

Tim e Sparkle forniranno un’infrastruttura di rete innovativa al gruppo Benetton in Europa, Africa e Asia con la possibilità di collegare nuove sedi nel mondo in base all’evoluzione delle esigenze del cliente. Grazie alla nuova piattaforma, i dipendenti e gli addetti ai punti vendita potranno accedere in sicurezza al sistema informativo aziendale anche in mobilità.

Gestione della rete semplificata

La tecnologia Sd-Wan applica l’approccio Software defined networking (Sdn) alle Wide area networks (Wan), semplificando l’implementazione e la gestione della rete attraverso regole e profili di traffico disegnati in base alle applicazioni e istradamento intelligente.

Adottate già da diverse aziende leader nei settori alimentare, manifatturiero ed energetico, le soluzioni Sd Wan di Sparkle sono rivolte ad aziende nazionali e multinazionali che necessitano di soluzioni di rete ibride, flessibili e ottimizzate per far fronte a scenari applicativi dinamici e a flussi di traffico intensi su più luoghi di lavoro e in totale sicurezza.

Fonte: Corrierecomunicazione.it

Commenti