HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Attualità Rivoluzione in Germania: da oggi parte la vendita dei nuovi carburanti non da origine fossile

Attualità Rivoluzione in Germania:   da oggi parte la vendita dei nuovi carburanti non da origine fossile

Nelle pompe di carburanti tedesche  da oggi  possono essere in vendita  tipi nuovi di carburante  di origine sintetica  o  da biodigestione.  Le sigle

Luca Pastorino (Liberi e Uguali): “Liguria, ambiente, turismo e occupazione sono nostri obiettivi”
Termofotovoltaico: il sistema di conversione dell’energia solare che ora può raggiungere l’efficienza del 93%
Olio vegetale come carburante: il nuovo progetto di Hera per trasformare uno scarto in risorsa

Nelle pompe di carburanti tedesche  da oggi  possono essere in vendita  tipi nuovi di carburante  di origine sintetica  o  da biodigestione.  Le sigle in uso saranno XTL , HVO e HVO100 a seconda della tipologia

 

In Germania, da oggi, è iniziata una piccola rivoluzione alla stazione di servizio con l’introduzione dei nuovi carburanti non da origine fossile. La produzione di combustibili alternativi attualmente si basa ora su varie piante (colza, barbabietola, mais, ecc.), nonché su residui di legno , liquame , fanghi di depurazione e rifiuti alimentari . Attualmente sono in fase di sviluppo processi in grado di convertire i rifiuti di plastica in carburante.

Secondo il governo tedesco le emissioni di CO₂ dannose per il clima provenienti dal settore dei trasporti devono essere ridotte. Non solo passando alla trazione elettrica, ma con tutte le possibilità a disposizione, anche in relazione all’attuale parco veicoli e ai numerosi veicoli con motore a combustione. Quindi ecco la ricerca di carburanti a basse emissioni di CO2. In presenza di una quantità di materie prime sufficienti la produzione di questi carburanti può essere conveniente.

Tra i nuovi tipi di carburante che arrivano dai laboratori di sviluppo alle stazioni di servizio, attualmente viene proposto come alternativa il carburante a base di olio vegetale idrogenato , ufficialmente denominato diesel paraffinico o HVO . Gli e-fuel , i carburanti basati sull’elettricità , sono considerati ancora più promettenti, ma si tratta di un prodotto ancora in via di sviluppo, soprattutto per i costi elevatissimi.

I legislatori regolano gli standard del carburante

A causa di tutte queste possibilità tecniche, era giunto il momento che il legislatore aprisse formalmente la strada a nuovi tipi di carburante. Con il regolamento per l’attuazione della legge federale sul controllo delle immissioni (BImschV), si garantisce che presso la stazione di servizio venga venduto solo il carburante che può essere messo in circolazione in sicurezza e che presenta il massimo beneficio ambientale possibile. Ora il regolamento è stato modificato.

Per inciso, la Germania è un ritardatario europeo qui . Le stazioni di servizio che offrono gasolio paraffinico sono già diffuse, soprattutto in Scandinavia, ma anche nei Paesi Bassi (“Blauwe Diesel”), in Italia (presso Eni) e in Austria: sono oltre 2.250 le stazioni che lo offrono già allo stato puro (100%). almeno negli additivi. In questi paesi il prezzo aggiuntivo rispetto al diesel a olio minerale si aggira tra i 5 ei 20 centesimi per la variante pura .

Cosa significano HVO, HVO100 e XTL?

I nuovi carburanti saranno contrassegnati con XTL al distributore di benzina . La sigla XTL sta per “ T Liquid ”. Ciò significa: qualsiasi materiale di partenza viene convertito in una fonte di energia liquida. La “X” è un indicatore generico per le diverse materie prime da cui si ottiene il nuovo combustibile. I prodotti finali sono soggetti alla norma DIN EN 15940 per il diesel paraffinico .

In base al metodo di produzione, si distinguono solitamente due tipi di carburante paraffinico : i carburanti sintetici, prodotti utilizzando il processo Fischer-Tropsch (cioè il carburante sitentito in senso stretto), e il diesel paraffinico da oli vegetali idrogenati.

Con i combustibili Fischer – Tropsch viene innanzitutto prodotto il cosiddetto gas di sintesi, una miscela di monossido di carbonio e idrogeno. Nella fase successiva dal gas di sintesi viene prodotto il combustibile paraffinico. Come prodotto di partenza possono essere utilizzate diverse materie prime: carbone (CTL – Coal-to-Liquid), gas naturale (GTL – Gas-to-Liquid) o biomassa (BTL – Biomass-to-Liquid).

Il diesel paraffinico da oli vegetali idrogenati (HVO, inglese: Hydrotreatment Vegetali Oils) si riferisce a oli vegetali che vengono convertiti in idrocarburi attraverso una reazione catalitica con idrogeno (idrogenazione). Attraverso questo processo, le proprietà degli oli vegetali vengono adattate ai combustibili fossili (in particolare al gasolio). Come il biodiesel, gli oli vegetali idrogenati possono essere aggiunti al carburante diesel (ad es. diesel R33) o possono anche essere offerti in forma pura al 100%, ad esempio come HVO100 o CARE.

Entrambi i tipi di diesel paraffinico sono elencati nella loro forma pura presso le stazioni di servizio sotto l’etichetta XTL.

Cos’è il Diesel B10?

Il Diesel B10 è, come suggerisce il nome, un diesel con una miscela del dieci per cento di biodiesel . Finora la percentuale di bioadditivo nel diesel era limitata al 7% (B7). La differenza più grande per il cliente è che il rifornimento del B10 è possibile solo se il produttore ha concesso un’approvazione speciale per il suo utilizzo, proprio come nel caso dell’utilizzo del Super E10. In caso di dubbio è meglio fare il pieno con B7, perché le stazioni di servizio che offrono B10 devono sempre offrire anche quella.

Le pompe di benzina sono contrassegnate con la denominazione “Diesel B10” e il simbolo quadrato con “B10” al centro.

I simboli dei nuovi carburanti

A causa della modifica del regolamento, i gestori delle stazioni di servizio possono installare pompe di benzina con XTL e diesel B10 . I due nuovi carburanti possono ora integrare le ben note varietà Super E5, Super Plus E5, Super E10 e Diesel B7.

Per evitare errori di rifornimento è necessaria un’etichettatura uniforme per i diversi tipi di carburante sia sul veicolo (nelle istruzioni per l’uso e sul tappo del serbatoio) che presso la stazione di servizio (pompa del carburante e pistola del carburante).

Le pompe di benzina per carburanti diesel paraffinici devono essere contrassegnate , indipendentemente dal processo di fabbricazione , vale a dire HVO e FT, comnque separandole dalle altre.

Da usare, ma solo con approvazione del produttore dell’auto

Per poter fare rifornimento con uno dei nuovi tipi di carburante è necessaria l’approvazione specifica del modello da parte del produttore . Un sondaggio condotto dall’ADAC a cavallo tra il 2023 e il 2024 mostra che attualmente solo pochi modelli di auto sono stati approvati dalle case automobilistiche per l’uso di XTL o B10. Importante: gli elenchi di rilascio contengono solo informazioni dei produttori di veicoli che hanno risposto al sondaggio. Non sono disponibili informazioni sui produttori di veicoli senza nome.

Bisognerebbe leggere le istruzioni sul tappo del serbatoio o rivolgersi ai produttori di auto.

FONTE:    https://scenarieconomici.it/

 

 

Commenti