HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

C’è un orso su Marte e non riusciamo a capire com’è possibile

Ci risiamo. Lo abbiamo trovato sul Pianeta Rosso, e la spiegazione è sempre la stessa

C’è un orso su Marte e non riusciamo a capire com’è possibile

La nostra ansia di trovare qualcosa su Marte che non siano "soltanto" rocce, minerali, avvallamenti, crateri, canyon, deserti a volte prende il soprav

The detailed photographie of the Moon
L’avanzata delle mirrorless: la fotografia non è solo sensori
Nikon dice addio alle reflex e archivia 60 anni di storia della fotografia

La nostra ansia di trovare qualcosa su Marte che non siano “soltanto” rocce, minerali, avvallamenti, crateri, canyon, deserti a volte prende il sopravvento e ci confonde il cervello. Un caso celebre fu “il Volto su Marte” fotografato dalla sonda Viking 1 per la prima volta nel 1976.

Un enorme e impressionante viso quasi-umano osservava con gli occhi spenti il cielo marziano. Lo scatto fu impugnato per anni dai complottisti di tutto il mondo per accrescere le dietrologie riguardanti alieni, piramidi spaziali, civiltà sepolte e via dicendo. Solo nel 1998 la sonda Mars Global Surveyor si è decisa ad osservare per bene quella struttura, senza giochi di luce o angolazioni strane, e il risultato è stato una formazione di terreno sopraelevata lunga quasi 3 chilometri e larga quasi due. Niente occhi, niente naso, niente bocca.

Oggi un’altra illusione è tornata e se ne sta parlando ovunque, soprattutto sul web, un po’ meno tra gli astronomi e le agenzie spaziali. Questa volta la faccia non è molto consona ad alimentare i complotti alieni, poiché si tratta di un orso.

“C’è una collina con una struttura di collasso a forma di V (il naso), due crateri (gli occhi) e uno schema di frattura circolare (la testa)” hanno detto gli scienziati che gestiscono l‘HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment), che gira intorno a Marte dal 2006. Questa volta con un tono più ironico.

“Il modello di frattura circolare potrebbe essere dovuto alla sedimentazione di un deposito su un cratere da impatto sepolto”, hanno spiegato. “Forse il naso è uno sfiato vulcanico o di fango e il deposito potrebbe essere colate di lava o di fango?”

La risposta come sempre è solo una: pariolina, ovvero il processo mentale che ci porta a dare forme conosciute a profili dalla forma casuale. In ogni caso c’è da ammettere che questo orso è molto simpatico e poco inquietante, per darvi un’idea delle sue dimensioni, ogni caratteristica della faccia è larga almeno 2000 metri. Se un giorno dovessimo davvero stabilirci su Marte allora diventerà un bel parco giochi.

 

[themoneytizer id=”106658-3″]

 

Fonte: Esquire.it

Commenti