HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Per la prima volta dei coralli allevati si sono riprodotti

Per la prima volta dei coralli allevati si sono riprodotti

Alle volte l’intervento umano può essere d’aiuto invece che distruttivo, e ne è esempio il successo del primo vivaio offshore istallato dalla Reef Res

Transizione energetica e decarbonizzazione del trasporto navale: partnership tra RINA ed Eni
Una riforma storica: la tutela dell’ambiente entra tra i principi fondamentali della Costituzione
Energia: l’Italia sblocca la realizzazione di 6 nuovi parchi eolici

Alle volte l’intervento umano può essere d’aiuto invece che distruttivo, e ne è esempio il successo del primo vivaio offshore istallato dalla Reef Restoration Foundation (RRF), un’organizzazione senza scopo di lucro che monitora e tutela la Grande Barriera Corallina, ecosistema di grande importanza situato al largo della costa del Queensland (Australia) ma che da tempo è minacciato e in forte diminuzione. In uno dei trentatré vivai installati dalla RRF nel corso degli anni col fine di ripopolare la barriera corallina, i coralli Acropora si sono riprodotti per la prima volta.

Il riscaldamento dei mari, connesso al generale cambiamento climatico in atto, devasta gli ecosistemi e la biodiversità. La Grande Barriera Corallina, fondamentale quanto fragile e delicata, è da tempo sottoposta a gravi rischi. Noto è il cosiddetto fenomeno dello sbiancamento, che si verifica quando le temperature dell’acqua sono più alte della media o a causa di agenti inquinanti, virus o batteri e possono portare i coralli, animali coloniali che ospitano circa un milioni di specie diverse e proteggono la costa dissipando fino al 97% dell’energia delle onde, a morire. Le attività umane invasive e altri fattori di stress locali e globali hanno portato alla perdita di più della metà delle barriere coralline del mondo negli ultimi 30 anni. Per farsi un’idea, la scomparsa delle colonie di corallo a cui si affidano circa il 25% di tutte le specie marine, equivale a perdere ogni foresta pluviale del pianeta. Circa il 70% di tutto l’ossigeno atmosferico viene infatti prodotto dall’oceano e le barriere coralline sono una parte fondamentale dell’equilibrio della vita oceanica.

Per scongiurare il peggio, la Reef Restoration Foundation agisce da tempo così da salvare i coralli e ripopolare la colonia; nel vivaio che prende il nome di “nursery” Welcome Bay, installato nel 2018 al largo della Fitzroy Island – paradiso tropicale e Parco Nazionale caratterizzato da grandi ricchezze naturali – i biologi marini della RRF hanno constato la prima riproduzione in assoluto dei coralli Acropora, genere appartenente alla famiglia delle Acroporidae e tra i più popolosi. Un evento che segna una svolta positiva, avvenuto dopo quattro anni di sperimentazioni grazie anche al contributo della comunità attenta anch’essa a salvare i coralli.

La specie che vive sulla Terra da circa 500 milioni di anni può sopravvivere anche se “allevata artificialmente” perché, come è stato constatato circa due settimane fa, gli Acropora hanno portato a termine un processo naturale dì riproduzione. La notizia diffusa dalla stessa RRF rappresenta un ottimo esempio di come il progresso umano possa essere utilizzato per salvaguardare piuttosto che continuare a distruggere. L’obiettivo dei biologi è ora continuare a tutelare e arricchire la Grande Barriera Corallina, una delle più grandi e importanti, riconosciuta come hotspot globale per la biodiversità (zona caratterizzata da livelli di diversità biologica particolarmente elevati). L’antico habitat misura 344.000 km2 e si estende per 2.300 km, è quindi grande come la Germania o lo stato del Montana ed è infatti visibile anche dallo spazio. Con più di 1.000 isole, 2.000 chilometri quadrati di mangrovie e 6.000 chilometri quadrati di alghe, gli studiosi hanno compreso quanto impellente sia assicurare la sopravvivenza della Grande Barriera Corallina e la speranza è che anche i leader mondiali possano capirne l’importanza, piuttosto che continuare con un triste “ambientalismo di facciata“.

Fonte: Indipendente.online

Commenti