HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Assegnazione agevolata terreni agricoli

Assegnazione agevolata terreni agricoli

Henry, il dinosauro che è un’opera d’arte
VIDEO – CIA, Filiera della vita alleata per la rappresentanza del futuro
Il concetto di bisogno e le teorie. Verso una definizione univoca

AgricolturaI sostituti d’imposta sono chiamati ogni anno ad inviare il modello 770: di cosa si tratta, come si compila e come si trasmette.

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sull’assegnazione e cessione di beni ai soci per le imprese del settore agricolo.

L’assegnazione e la cessione agevolata di beni ai soci è fruibile anche con riferimento ai terreni locati o dati in comodato, mentre non è possibile applicare l’imposta sostitutiva in caso di terreni destinati all’attività dell’impresa agricola. A chiarire l’ambito di applicazione alle società operanti nel settore agricolo dell’assegnazione agevolata ai soci, di beni immobili e beni mobili registrati, con il pagamento dell’imposta sostitutiva è stata l’Agenzia delle Entrate n. 26/E/2016.

Va quindi distinto il caso in cui l’assegnazione ai soci dei terreni agricoli, riguardi terreni in affitto o in comodato oppure terreni destinati all’attività dell’impresa agricola:

“Qualora il terreno sia utilizzato per effettuare la coltivazione e/o l’allevamento di animali lo stesso non è assegnabile ai soci in regime agevolato, essendo in tal caso impiegato dalla società nell’esercizio dell’impresa”.

È quanto chiarisce la Circolare, spiegando che ad essere agevolabile è esclusivamente l’assegnazione di beni diversi da quelli utilizzati dalla società nel regime d’impresa.

Diverso invece il caso dei terreni concessi in locazione o in comodato al momento dell’assegnazione: non essendo in tal caso gli stessi impiegati dalla società nell’esercizio dell’impresa, è possibile fruire dell’assegnazione agevolata con imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP con aliquota pari:

  • nei casi ordinari, all’8% della differenza tra il valore normale del bene assegnato e il costo fiscalmente riconosciuto;
  • per le società non operative o in perdita sistematica, l’imposta sostitutiva l’aliquota è del 10,5%.

Fonte: pmi.itAgenzia delle Entrate

Commenti