HomeMercato finanziario

Poste Italiane è “sector leader” mondiale secondo gli indici di sostenibilità Dow Jones

Il Gruppo guidato dall’AD Matteo Del Fante è al vertice nel settore assicurativo del CSA 2023 di S&P Global e si conferma per il quinto anno consecutivo nei Dow Jones Sustainability Index World e Europe

Poste Italiane è “sector leader” mondiale secondo gli indici di sostenibilità Dow Jones

Fonte: Firstonline.it Poste Italiane è “Sector leader” mondiale per la sostenibilità in campo assicurativo. Il riconoscimento arriva dall’analisi d

I vantaggi della previdenza complementare
Btp Asta, 31 ottobre: ecco quali titoli collocherà il Mef
Usa, il Tech torna a correre. Le Borse europee fiutano il Toro

Fonte: Firstonline.it

Poste Italiane è “Sector leader” mondiale per la sostenibilità in campo assicurativo. Il riconoscimento arriva dall’analisi dell’agenzia di Rating S&P Global sui risultati del Corporate Sustainability Assessment (CSA). Poste Italiane consolida inoltre la propria leadership nella sostenibilità confermando la sua quinta presenza consecutiva nel Dow Jones Sustainability Index World e nel più selettivo Dow Jones Sustainability Index Europe. Standard&Poor’s Global confronta i risultati delle politiche di sostenibilità delle aziende di 61 settori. Il Dow Jones Sustainability World Index traccia la performance del top 10% delle 2.500 maggiori aziende quotate all’interno del S&P Global Broad Market Index, mentre Il Dow Jones Sustainability Europe Index traccia la performance del top 20% delle 600 maggiori organizzazioni del continente europeo.

Le aziende vengono selezionate per l’ingresso negli indici in base ai risultati ottenuti dalle valutazioni del CSA di S&P Global, riferimento internazionale in tema di sostenibilità. “Il riconoscimento di Sector leader assicurativo ricevuto da S&P Global – ha commentato l’Amministratore Delegato Matteo Del Fante – e la conferma di Poste Italiane negli indici Dow Jones Sustainability Index World e Europe per il quinto anno consecutivo sono il segno della qualità e dell’efficacia delle nostre politiche ESG. I giudizi ottenuti contribuiscono a potenziare la reputazione internazionale del Gruppo Poste Italiane nel solco del percorso che negli ultimi anni ci permette di creare valore condiviso in misura sempre maggiore per il Paese e per gli stakeholder”.
“Il prestigioso risultato di oggi ci offre ulteriore prestigio internazionale – ha commentato il Condirettore Generale di Poste Italiane Giuseppe Lasco – premia la validità del nostro modello di sviluppo sostenibile e di integrazione ad ogni livello aziendale della gestione dei rischi e delle opportunità ESG nella strategia di business. Voglio sottolineare in particolare la grande soddisfazione per il rilievo dato da S&P Global alle azioni compiute dal Gruppo per la tutela dei diritti umani, lo sviluppo di donne e uomini di Poste Italiane, l’attrazione di talenti e l’inclusione finanziaria dei gruppi svantaggiati”.
L’ingresso negli indici Dow Jones Sustainability Index World e Europe e il primo posto nella classifica mondiale del settore assicurativo di S&P Global si inseriscono tra i numerosi riconoscimenti ricevuti dal Gruppo Poste Italiane per le sue politiche di sostenibilità. A questo risultato si aggiungono l’ottenimento della medaglia di platino ricevuta da EcoVadis, il mantenimento della valutazione di “AA” nel rating MSCI e il miglioramento del punteggio ottenuto da parte di Moody’s, oltre all’inclusione di Poste Italiane all’interno dei più prestigiosi indici di sostenibilità internazionali, come Euronext Vigeo-Eiris Indices, Integrated Governance Index, Euronext Equileap Gender Equality Eurozone 100, FTSE4Good, Bloomberg Gender-Equality Index e Stoxx Global ESG Leaders. Le valutazioni positive ottenute da parte di agenzie come CDP e Sustainalytics hanno ulteriormente confermato l’impegno dell’Azienda per la sostenibilità. Inoltre, il Gruppo ha mantenuto il proprio primato tra i leader della sostenibilità nell’ambito dell’indice MIB ESG lanciato nel 2021 da Euronext e Borsa Italiana, dimostrando l’impegno continuo verso una gestione responsabile e sostenibile

Commenti