HomeProblemi sociali

La paura di perdere

La paura di perdere

Trattenere le emozioni non ci rende più forti
50 Cognitive Biases in the Modern World
Cerebro y sus partes, para estar bien

Capita spesso, nella vita di avere paura per qualcosa un cambiamento, una relazione che ci spaventa e molte cose nuove, che non riusciamo o fatichiamo ad accettare.

Nel vocabolario Treccani, la paura viene definita come, “uno stato emotivo di repulsione e di apprensione di un vero o presunto pericolo”.

Quella paura è in grado di prendere la tua vita e capovolgerla, cambiandola a volte in meglio, ma a volte in peggio, dove ti ritrovi incatenato e quella sensazione ti blocca completamente e così non riusciamo ad affrontare nulla, perché lei è sempre lì con  noi, a ricordarci costantemente ciò che potrebbe succedere.

E’ come un nodo alla gola, dal quale è difficile liberarsene perché continua sempre il nostro cervello a tormentarci, fino a quando di quella paura ne rimaniamo completamente paralizzati.

La paura può immobilizzarci, renderci più vulnerabili e spesso anche soli, perché possiamo avere una repulsione nei confronti di qualsiasi cosa che ci ferisca.

Ci sono situazioni nuove che possono spaventare, perché non sappiamo cosa ci riserverà il destino per noi e non sappiamo cosa accadrà nel futuro; questo molte ci spaventa perché il non sapere dove ti porterà la tua rotta a volta è difficile da accettare, dunque dobbiamo lasciare al destino questo compito  e noi aspettare ciò che accadrà.

La paura si può vincere piano piano con le mani di qualcuno, che ci spingono verso la corrente giusta e poi noi proseguiamo il nostro percorso, ma mai nella vita avere paura di commettere errori, perché ogni giorno quelli ci insegnano qualcosa che possiamo migliorare il giorno successivo.

A cura di Monica Origgi

 

Commenti