HomeInternational Banking News

Cairo “su Rcs abbiamo fatto una bella offerta. Gli altri mettono solo un assegno sul tavolo, noi pensiamo anche al miglioramento dell’azienda”

Cairo “su Rcs abbiamo fatto una bella offerta. Gli altri mettono solo un assegno sul tavolo, noi pensiamo anche al miglioramento dell’azienda”

Nel 2022 le forze aerospaziali russe riceveranno 200 nuovi velivoli
Pronta la nave di Erdogan: “gli occhi e le orecchie della Turchia”
L’ instabilità africana e le sue conseguenze geopolitiche

Cairo1-150x150Nessun rilancio da parte di Urbano Cairo, rispetto all’offerta iniziale, su Rcs. ma la convinzione di potere fare meglio dell’altra cordata, quella formata da Investindustrial e dai soci forti del gruppo di via Solferino (Mediobanca, Unipol, Della Valle, Pirelli). “L’offerta c’è ed è quella. E una bella offerta” dichiara Urbano Cairo in una intervista a Tiscali. “Nel mio caso io dico al socio Rcs: resta nella partita, consentimi di fare il mio progetto; loro mettono solo l’assegno sul tavolo. Io dò ai soci il beneficio del potenziale upside per il miglioramento dell’azienda” spiega, evidenziando che “loro offrono 0,70 euro. Noi offriamo di scambiare le azioni con quelle di Cairo Communication e di partecipare allo sviluppo dell’azienda”.  L’Offerta pubblica di scambio promossa da Cairo Communication sulla totalità delle azioni ordinarie di Rcs “è finalizzata a creare un grande gruppo editoriale multimediale, dotato di una leadership stabile e indipendente, e a rafforzare il profilo economico-finanziario del Gruppo Rcs, accelerandone il processo di ristrutturazione e rilancio”. E’ quanto si legge del documento di offerta rispetto al quale oggi la Consob ha dato il via libera alla pubblicazione.  “Le aree di attività di Cairo Communication e Rcs sono fortemente complementari e la loro combinazione – si legge ancora – consentirebbe di creare un gruppo editoriale che, facendo leva sull’elevata qualità e diversificazione dei prodotti nel settore dei quotidiani, periodici, televisione, webed eventi sportivi, possa posizionarsi come operatore di riferimento nel mercato italiano, con una forte presenza internazionale, e sfruttare al meglio le opportunità derivanti dalla convergenza dei media tradizionali sulle piattaforme digitali”. Cairo Communication, con l’offerta pubblica di scambio sulla totalità delle azioni ordinaria di Rcs, “intende realizzare un incisivo piano di rilancio che prevede un rigido programma di ottimizzazione dei costi industriali, la massimizzazione del potenziale dei prodotti editoriali, l’allargamento dell’offerta nelle attività non editoriali altamente distintive, quali gli eventi sportivi, e il rafforzamento e l’ulteriore sviluppo di prodotti digitali”. E’ quanto si legge nel documento di offerta. “Per realizzare tale progetto industriale – si legge ancora – l’offerente farà leva sulla propria esperienza nell’esecuzione di complesse ristrutturazioni aziendali, sulle competenze maturate nella raccolta pubblicitaria e sulla propria capacità di crescita nel settore dei periodici”. Cairo Communication “prevede per il Gruppo Rcs investimenti in linea con le necessità industriali degli stabilimenti e limitati investimenti per l’acquisizione di competenze focalizzate in ambito digitale”. Lo si legge nel documento di Offerta di scambio della totalità delle azioni ordinarie di Rcs. In generale, Cairo Communication “si attende un ammontare di tali investimenti non superiore rispetto ai valori storici del Gruppo Rcs negli ultimi due-tre esercizi e stimabile in circa 25-30 milioni per anno che, allo stato, si prevede di finanziare con i flussi di cassa che saranno generati dall’attività operativa”.chi ha la maggioranza”, conclude.

Fonte: tribunapoliticaweb.it

Commenti