HomeEuropean Banking News

L’Italia corteggia Intel per fabbrica di chip, intesa “entro l’anno”

Trattative "in fase avanzata". Investimento da almeno 4 mld di euro per 1000 posti di lavoro, a Torino o Catania

L’Italia corteggia Intel per fabbrica di chip, intesa “entro l’anno”

Banche: FABI, siglato accordo su fondo previdenza UBI in Intesa Sanpaolo
Cop26, la bozza del documento: ridurre emissioni CO2 del 45% entro il 2030
Acciaio e alluminio: cosa prevede il nuovo accordo USA-UE

Roma prepara un’offerta per convincere Intel a investire miliardi di euro in un impianto avanzato per la produzione di chip in Italia, mentre la Germania emerge come leader per attirare una mega fabbrica ancora più grande della multinazionale americana. Lo riporta un’esclusiva Reuters, secondo cui gli impianti farebbero parte di un’iniziativa del gruppo statunitense per costruire capacità produttive all’avanguardia in Europa così da evitare future carenze di approvvigionamento del tipo che attualmente sta paralizzando, in particolare, l’industria automobilistica.

In serata è Giancarlo Giorgetti, in visita a Washington, a confermarlo:  “Negli Stati Uniti c’è interesse per l’Italia” dice confermando i negoziati in corso con il colosso dei microchip Intel e anche le discussioni con Moderna per portare la produzione dei vaccini anche in Italia. “Sono due dossier su cui vogliamo raggiungere dei risultati”, ha affermato, spiegando però che in questa fase “serve riservatezza”.

Scrive Reuters, citando fonti coinvolte nelle discussioni – è già in trattative con Intel per il potenziale investimento, che secondo le prime stime varrebbe più di 4 miliardi di euro. Secondo una fonte, il totale potrebbe arrivare anche a circa 8 miliardi di euro, a seconda dei piani di Intel.

Il governo italiano sarebbe pronto a finanziare parte dell’investimento complessivo con denaro pubblico e offrire condizioni favorevoli a Intel, compresi i costi del lavoro e dell’energia, affermano le fonti. La fabbrica creerebbe più di 1.000 posti di lavoro diretti in Italia.

“Il Governo sta preparando un’offerta molto dettagliata con l’obiettivo di concludere un accordo entro la fine dell’anno”, ha detto una delle fonti a Reuters. “Le trattative con Intel sono in una fase avanzata. Non c’è ancora un accordo, ma se il governo lavora molto su questo ha buone possibilità di portare l’impianto in Italia”.

I siti potenziali includono l’area Mirafiori di Torino, la sede italiana della casa automobilistica Stellantis, e Catania in Sicilia, dove il produttore di chip italo-francese STMicroelectronics già opera, hanno detto le fonti. Intel ha rifiutato di commentare i suoi piani.

Il più grande progetto del gruppo statunitense in Europa – prosegue Reuters – è una mega fabbrica che potrebbe sorgere a Dresda, in Germania.

La fabbrica italiana sarebbe un impianto di “imballaggio avanzato” che utilizza nuove tecnologie per tessere interi chip prodotti da Intel e altri produttori di chip, hanno affermato le fonti.

Intel sta utilizzando la tecnologia per attirare nuovi clienti come l’unità di cloud computing di Amazon.com Inc, ma i suoi unici siti sono negli Stati Uniti.

Anche la Francia è vista come contendente per la mega fabbrica, mentre l’Italia deve affrontare la concorrenza della Polonia – dove Intel è già presente – per l’impianto di confezionamento.

L’amministratore delegato di Intel, Pat Gelsinger, ha dichiarato il mese scorso che la società annuncerà le sedi di due nuovi importanti impianti di fabbricazione di chip dell’UE entro la fine dell’anno, prevedendo di spendere 80 miliardi di euro nel prossimo decennio nel continente.

I piani arrivano mentre l’Unione Europea mira a ridurre la sua dipendenza dalle forniture di semiconduttori dagli Stati Uniti e dalla Cina, e la crisi della fornitura di chip non mostra segni di miglioramento.

I produttori di chip stanno cercando di aumentare la produzione dopo che la tendenza al lavoro da casa durante la pandemia ha portato a una domanda esplosiva di elettronica di consumo come smartphone e computer.
Le carenze hanno colpito più duramente l’industria automobilistica, uno dei principali pilastri dell’economia europea, poiché i produttori di chip hanno generalmente preferito i clienti dell’elettronica di consumo perché acquistano chip più avanzati e con margini più elevati.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato questa settimana che l’UE deve agire “ora e con decisione” per aumentare la produzione per raggiungere l’obiettivo di produrre il 20% della produzione mondiale di semiconduttori entro il 2030.

“La Cina e gli Stati Uniti stanno già investendo decine di miliardi ciascuno in questo settore”, ha affermato. Tuttavia, la costruzione della megafabbrica e dell’impianto di imballaggio richiederà anni ed è improbabile che possa aiutare le case automobilistiche europee a breve termine.

Per questo, Gelsinger ha affermato che Intel prevede di riservare capacità presso la sua fabbrica di chip in Irlanda per le case automobilistiche e aiutarle a passare all’utilizzo della sua tecnologia, ma anche questo potrebbe richiedere tempo.

Fonte: Huffpost

Commenti