HomeEuropean Banking News

Boom di utili per Deutsche Bank nel primo trimestre, rally del titolo

Nei primi tre mesi del 2021 ricavi record a 7,2 miliardi. A premiare la crescita soprattutto il settore investment banking, con una raccolta in salita del 32%. Liquidità stabile e Cet1 ratio in lieve aumento

Boom di utili per Deutsche Bank nel primo trimestre, rally del titolo

Private Banking: tre sfide per il futuro
Il sistema bancario e “l’antica terra della casualità”
Banche, per negligenze e abusi il conto è salato tra sanzioni, risarcimenti e costi: “Le 20 più grandi hanno pagato 410 miliardi in 10 anni”

Trimestre da record per Deutsche Bank, che registra un boom di utili e il più grande giro d’affari dal 2017. Premiata la strategia di puntare sull’investment banking, che adesso vale il 42% del fatturato, 6 punti percentuali in più rispetto al 2020. Il risultato, comunque, non penalizza la gestione del rischio, che presenta livelli di liquidità stabili. A Francoforte rally del titolo che vola a 10,08 euro (+6,29%).

Nei primi tre mesi del 2021, la banca tedesca ha totalizzato ricavi pari a 7,2 miliardi di euro, con una crescita del 14% rispetto allo stesso periodo del 2020. A premiare è stato soprattutto il segmento investment banking, in salita del 32% a 3,1 miliardi. In aumento anche le operazioni di asset management (+23%) pari a 637 milioni. In particolare, gli asset sotto il controllo della banca d’affari sono saliti a 820 miliardi (+3,5%). La raccolta del credito ai privati è rimasta stabile a 2,2 miliardi, mentre quella del credito alle aziende è scivolata a 1,3 miliardi (-1%).

Gli utili ante imposte hanno registrato una crescita record: nel primo trimestre dello scorso anno si attestavano a 206 milioni, mentre quest’anno hanno superato quota 1,6 miliardi. E il risultato è in forte crescita anche se paragonato ai livelli pre-pandemia. Nei primi tre mesi del 2019, infatti, gli utili ante imposte si aggiravano intorno a 290 milioni. I profitti al netto delle tasse sono pari a 1 miliardo, a fronte dei 66 milioni dell’anno scorso, il che porta l’eps a 0,5 euro.

Sotto il profilo di rischio, la liquidità è stabile a 243 miliardi e il liquidity coverage ratio si è attestato al 146%. La qualità del credito ha subito un lieve deterioramento con gli asset ponderati per il rischio (Rwa9 in aumento di 3 punti base a 330 miliardi, mentre il Cet1 ratio è salito di 10 punti base rispetto allo scorso trimestre raggiungendo quota 13,7%.

“Il nostro primo trimestre è un’ulteriore prova che Deutsche Bank è sulla strada giusta in tutte e quattro i nostri business core”, ha commentato il ceo, Christian Sewing. “Oltre ad aver incrementato il nostro giro d’affari, abbiamo dato prova di una forte disciplina del rischio. Abbia fiducia di riuscire a raggiungere gli obiettivi prefissati per il 2022”. Dopo che ieri la svizzera Ubs e l’inglese Hsbc hanno pubblicato conti oltre le aspettative, migliora il sentiment di mercato sulle banche europee, chiamate a rendere noti i risultati trimestrali nelle prossime settimane.

Fonte: www.milanofinanza.it

Commenti