HomeEuropa e economia

Bri. Prezzi delle case -4% nel 2017

Bri. Prezzi delle case -4% nel 2017

Nel corso del 2017 i prezzi delle case di seconda mano in Italia segnano un decremento del 4%, per un valore medio di 1.819 euro al metro quadro. Nell

Gli effetti del Covid sui conti delle banche, perdita da 11 miliardi per il Santander
Bce: “Nell’Eurozona ripresa economica solida e generalizzata”
Cgia. Nel 2017 le tariffe pubbliche tornano a crescere

Nel corso del 2017 i prezzi delle case di seconda mano in Italia segnano un decremento del 4%, per un valore medio di 1.819 euro al metro quadro. Nell’ultimo trimestre però le quotazioni sono rimaste pressoché invariate.

Il responsabile dell’ufficio studi di idealista Vincenzo De Tommaso spiega: “Il trend negativo dei prezzi delle case iniziato nel 2007 è proseguito anche quest’anno; il mercato risente ancora dell’eccesso di offerta di immobili con caratteristiche di prezzo, qualità e localizzazione non richieste dal mercato. Nonostante questo, la vivacità della domanda privata, sostenuta dal mercato dei mutui, si estende a macchia di leopardo, concentrandosi nelle aree di maggior pregio delle grandi città e nei centri dove la qualità della vita è migliore. Nel 2018 ci aspettiamo una ripresa via via più uniforme con moderata crescita dei prezzi nelle città medie e in quelle metropolitane e una generale tendenza verso la stabilizzazione dei valori”.

Anche il rapporto della Banca dei regolamenti internazionali (Bri) sugli immobili residenziali conferma le tendenze in termini di potere d’acquisto per cui, nel secondo trimestre di quest’anno, solo in Grecia e Italia si registravano prezzi reali negativi delle abitazioni, mentre a livello globale sono cresciuti del 4%. Il mattone italiano sta perdendo valore e dunque potere d’acquisto, con un effetto ricchezza negativo per le famiglie, dal 2008.

Commenti