HomeCommunication & Tecnologies

Ricerca, disturbi psichiatrici severi: confermato il legame genetico

Ricerca, disturbi psichiatrici severi: confermato il legame genetico

Fonte: Il Denaro.it Una ricerca a guida australiana ha confermato l’esistenza di un legame genetico nei disturbi psichiatrici severi, tra cui depre

I mari orientali dopo l’Afghanistan: Regno Unito e Australia in maldestro soccorso degli Usa
DJOKOVIC Y LOS INTERESES POLÍTICOS Y MINEROS DE AUSTRALIA. LO QUE NO REVELAN LAS CORPORACIONES DE MEDIOS.
I mari orientali dopo l’Afghanistan: Regno Unito e Australia in maldestro soccorso degli Usa

Fonte: Il Denaro.it

Una ricerca a guida australiana ha confermato l’esistenza di un legame genetico nei disturbi psichiatrici severi, tra cui depressione e schizofrenia, aprendo così la strada allo sviluppo di nuovi trattamenti farmacologici. I ricercatori dell’Università di Wollongong hanno studiato oltre 1000 cervelli umani donati alla scienza da persone che avevano vissuto con una malattia mentale. Lo studio, pubblicato su Neuropathologica, conferma ciò che veniva suggerito da tempo attraverso studi su animali e su campioni di sangue: che i pazienti di malattie mentali hanno livelli elevati del gene FKBP5 direttamente nel cervello. Il gene FKBP5 e la proteina a esso associata – che è la chiave tutto ciò che riguarda come gli esseri umani rispondono allo stress – ha livelli più elevati in pazienti di depressione e di disturbo bipolare, e particolarmente alti nei pazienti di schizofrenia. Normalmente, quando la presenza di FKBP5 raggiunge un certo livello, la risposta allo stress è temporaneamente ‘disattivata’. Tuttavia coloro che soffrono di malattie mentali hanno difficoltà a disattivare questa risposta allo stress. La responsabile del progetto Natalie Matosin, che dirige il laboratorio detto Mental Illness and Disorders of Stress dell’università stessa, scrive che i ricercatori hanno individuato “il tipo specifico di cellula in cui il FKBP5 è più presente”. I ricercatori ipotizzano che il FKBP5 causi un”interruzione della cognizione’. I risultati ottenuti potranno quindi aiutare a trattare sintomi cognitivi ‘debilitanti’ di disturbi psichiatrici comprendenti l’abilità a imparare e a ricordare, ragionare, processare informazioni e prestare attenzione.

Commenti