HomeCommunication & Hi-Tech

Scoperto un oggetto con una temperatura che supera quella del Sole di 2.000 gradi

Lo studio è stato condotto con i dati raccolti dall’Extremely Large Telescope, situato nel deserto di Atacama in Cile.

Scoperto un oggetto con una temperatura che supera quella del Sole di 2.000 gradi

Fonte: Scienze Notizie.it I ricercatori del Weizmann Institute of Science in Israele hanno scoperto una nana bruna simile a Giove,ma con una temper

Ecco cosa servirà un viaggio verso Giove che durerà otto anni
2023: un viaggio di 8 anni per conoscere Giove
Nell’atmosfera di Giove sta accadendo qualcosa di molto strano

Fonte: Scienze Notizie.it

I ricercatori del Weizmann Institute of Science in Israele hanno scoperto una nana bruna simile a Giove,ma con una temperatura di 2.000ºC maggiore rispetto alla superficie del Sole; una scoperta che potrebbe aiutare a comprendere l’evoluzione di pianeti e stelle. Lo studio, che vede la partecipazione di scienziati di tutto il mondo, è stato pubblicato sulla rivista Nature questo lunedì ed è stato effettuato analizzando i dati raccolti dall’Extremely Large Telescope (ELT), situato nel deserto di Atacama in Cile. La scoperta consiste in due corpi celesti chiamati ”nani”, ma di diversa natura. Una è una nana bianca, un residuo di una stella simile al Sole dopo aver esaurito il suo combustibile nucleare, e l’altra è una nana bruna, una classe di oggetti che non è né un pianeta né una stella, ma ha una massa gassosa simile. una piccola stella.

Questo lo rende un laboratorio perfetto per futuri studi sulle condizioni estreme dei ‘giove caldi’“, ha detto Hallakoun. Secondo Na’ama Hallakoun, ricercatore presso il Dipartimento di Fisica delle Particelle e Astrofisica del Weizmann Institute, a differenza di altri pianeti simili a Giove, è possibile osservare questa nana bruna perché è molto grande rispetto alla stella su cui orbita, che è di 10.000 volte più debole di una stella normale. Le nane brune sono talvolta indicate come stelle fallite, in quanto non hanno la massa per alimentare le reazioni di fusione dell’idrogeno, ma, a differenza dei giganti gassosi, hanno una massa sufficiente per sopravvivere all’attrazione delle loro compagne stellari. Inoltre, le superfici dei “Giove caldi” sono estremamente alte, a causa della radiazione delle loro stelle. “Gli “Hot Jupiters” sono l’antitesi dei pianeti abitabili: sono luoghi drammaticamente inospitali per la vita”, descrive Hallakoun. Secondo l’esperto, sono attese future osservazioni spettroscopiche ad alta risoluzione di questo caldo sistema simile a Giove con il James Webb Space Telescope della NASA, che potrebbero aiutare la comunità scientifica a comprendere altri esopianeti in altre parti dell’universo.

Commenti