HomeCommunication & Hi-Tech

Tumore al cervello: team genovese crea “codice a barre” genetico per tracciare cellule

A metterlo a punto i ricercatori del Policlinico San Martino e dell'Università di Genova

Tumore al cervello: team genovese crea “codice a barre” genetico per tracciare cellule

Seguire l'evoluzione del tumore al cervello più diffuso e aggressivo, il glioblastoma, fin dalle prime cellule maligne, per aprire la strada a nuove p

Studio di UniTo scopre un nuovo gene responsabile dell’autismo
Digital skill e “data literacy”: sarà la competenza più richiesta nel 2030
How technology can help redraw the supply chain map

Seguire l’evoluzione del tumore al cervello più diffuso e aggressivo, il glioblastoma, fin dalle prime cellule maligne, per aprire la strada a nuove possibilità di cura. Oggi è possibile grazie a uncodice a barre’ genetico, che rende ogni cellula tumorale tracciabile nel tempo e nello spazio, così da poter seguire la crescita della massa tumorale.

A metterlo a punto, tramite tecniche di biologia molecolare avanzate e modelli computazionali, sono stati i ricercatori dell’Irccs Policlinico San Martino di Genova e del Dipartimento di medicina sperimentale dell’Università di Genova. I risultati dell’indagine sperimentale condotta su un modello animale è stata pubblicata sulla rivista Cancer Cell. Con circa 1500 nuovi casi all’anno in Italia, il glioblastoma è il tumore cerebrale più diffuso ma anche il più aggressivo e poco conosciuto nelle fasi iniziali. Più frequente negli uomini che nelle donne, rappresenta il 45% di tutti i tumori del cervello.

“La terapia è complessa e non offre ancora una soluzione definitiva – osserva Paolo Malatesta, coautore dello studio, professore di Biologia Molecolare presso l’Università di Genova – Attualmente, l’aspettativa di vita per i pazienti è inferiore a tre anni”. Per comprendere meglio l’evoluzione della malattia, i ricercatori del San Martino hanno messo a punto un modello di glioblastoma che ha reso possibile tracciare ogni singola cellula neoplastica, nel tempo e nello spazio.

“Abbiamo introdotto nelle cellule da monitorare una sorta di ‘codice a barre’, una particolare stringa di DNA che consente di seguirle grazie a sofisticate tecniche di sequenziamento”, spiega Davide Ceresa, coautore dello studio e ricercatore al San Martino. “Le dinamiche di competizione cellulare – aggiunge – sembrano giocare un ruolo primario nel determinare lo sviluppo del glioblastoma, anche in stadi più avanzati della sua crescita”. Grazie all’analisi del trascrittoma, ovvero dell’insieme dei geni trascritti, i ricercatori hanno anche identificato nel gene Myc, già noto per il suo ruolo in altri tumori, uno dei maggiori responsabili di questo processo di selezione clonale. La speranza è che i risultati aiutino a trovare informazioni per “conoscere e combattere meglio questo tumore”.

Fonte: Primocanale.it

Commenti