HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Moncler sale a 15,35 euro. Profitto lordo +3%

Moncler sale a 15,35 euro. Profitto lordo +3%

18-19 dicembre 1941: l’impresa di Alessandria
L’ inflazione e i costi della società irrazionale
Tra gli esopianeti conosciuti ce ne sono tre in meno: sono troppo grandi per il MIT

azioni-monclerMoncler si trova inserito in un preciso trend rialzista che va avanti dallo scorso gennaio 2016, e mostra una forza relativa decisamente superiore al resto del mercato. Il movimento ascendente dei prezzi è stato frenato per due volte a ridosso dell’area 15,93/97 euro, a marzo e maggio, mentre una solida fascia di supporto statico di può agevolmente individuare tra 13,75 e 13,95 euro.

 

Molto interessante lo sviluppo armonico dei volumi che tendono a crescere sugli strappi al rialzo di gennaio, della prima metà di marzo e del 10 e 11 maggio, mentre nelle fasi di correzione e consolidamento rileviamo una contrazione degli stessi. Nelle ultime tre settimane il prezzo ha effettuato una congestione in un range molto stretto compreso tra 14,80 e 15,20 euro, e ha verificato positivamente il supporto dinamico con inclinazione rialzista poco sotto 14,80 euro lo scorso lunedì.

MonclerX

Nel report operativo n°144 di lunedì 6 giugno 2016 si suggeriva di aprire una posizione in acquisto su Moncler al prezzo di 14,90 eurocon stop loss sotto 14,69 euro e primo obiettivo in area 15,95/16,00 euro. Ieri il titolo ha effettuato un primo rimbalzo e si è portato a ridosso della resistenza statica posta a quota 15,20 euro, oltre la quale avremo una conferma positiva. Oggi recupera con decisione dai minimi di giornata a 15,07 euro portandosi a 15,35. Su questo livello di prezzo registriamo un profitto lordo pari al +3,02%% e manteniamo con tranquillità puntando sempre al primo target posto tra 15,95 e 16,00 euro per azione.

 

A questo punto possiamo fissare l’uscita in trailing profit sotto i 15,00 euro in maniera tale da annullare il rischio su questa operazione bloccando anche un gain lordo minimo del +0,6% per coprire le commissioni e le spese.

Fonte: finanzaeinvestimenti.it

Commenti