HomeMade in Italy

DEMOCRAZIA, LINGUAGGIO, CRISI.

DEMOCRAZIA, LINGUAGGIO, CRISI.

Ogni pratica umana è la conseguenza della continua attività pensante, che assume la forma di un dialogo costante. Uno dei mali, al tempo dei Social

Pechino a corto d’ossigeno. Ora la Cina abbraccia la finanza estera
L’ economia mondiale: la “deglobalizzazione” infelice
Per le banche cinesi soffia il vento dell’epurazione

Ogni pratica umana è la conseguenza della continua attività pensante, che assume la forma di un dialogo costante.

Uno dei mali, al tempo dei Social e della veloce quanto superficiale comunicazione, è l’assenza di reale ascolto e dialogo .

Il dialogo e il linguaggio sono lo strumento fondamentale attraverso il quale la democrazia si dispiega nel micro quanto nel macro.

« Quando parliamo di qualcosa come avente una funzione in particolare per noi, la concepiamo nei nostri diversi tentativi di capire il mondo per poterne parlare. Assegnare una funzione a qualcosa è darle un ruolo nel risolvere qualche problema o nello svolgere qualche compito richiesto da interessi particolari. » (N. Chomsky, La scienza del linguaggio).

Accade sempre più di frequente che, nell’atomizzazione di una società sempre più individualista ed egoista, ci sia una sempre minore propensione al dialogo e minor correlazione tra Democrazia e Linguaggio sempre più rude, urlato sprezzante quasi a colmare un vuoto di idee, contenuti, visioni, sostanza e forma .
Ciò incide negativamente sugli equilibri politici, economici e sociali dell’Umanità.

Fonte: Linkedin

Commenti