HomeItalian Enterprises

A Le Bourget Leonardo punta su tecnologie, dati e digitalizzazione

Con 51mila dipendenti nel mondo, Leonardo progetta, realizza e integra soluzioni tecnologiche avanzate negli elicotteri, nell’elettronica, nei velivoli, nella cyber & security e nello spazio, ed è partner dei più importanti programmi internazionali del settore. L’azienda dispone di capacità produttive strategiche in Italia, Regno Unito, Polonia, USA e Israele, operando attraverso società controllate, joint venture e partecipazioni

A Le Bourget Leonardo punta su tecnologie, dati e digitalizzazione

Fonte: Leonardo.it Nell’era del multi-dominio, la capacità di raccogliere, integrare e processare una quantità di dati sempre crescente, è fondamen

Lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale nella Repubblica Popolare Cinese
Banche, è arrivata la MetaBank
The delimite and the useful of the robots

Fonte: Leonardo.it

Nell’era del multi-dominio, la capacità di raccogliere, integrare e processare una quantità di dati sempre crescente, è fondamentale per abilitare tecnologie in grado di operare efficacemente in contesti sempre più sfidanti. Gli scenari operativi del prossimo futuro saranno caratterizzati dalla necessità di sfruttare in maniera integrata capacità in ogni dominio – aereo, terrestre, marittimo, spaziale e cyber – e di immettere sempre più ‘intelligenza’, capacità di calcolo e funzionalità digitali nei sistemi. In occasione del salone di Le Bourget (Parigi, 19-25 giugno), Leonardo, forte di competenze che consentono all’azienda di essere tra i protagonisti mondiali nel settore dell’aerospazio, della difesa e sicurezza, si presenta con soluzioni pensate per assicurare una piena “situational awareness” in ogni contesto, unitamente ai massimi livelli di protezione fisica e digitale. A caratterizzare la presenza di Leonardo alla 54ª edizione del Paris Airshow, sistemi di sorveglianza multi-dominio, di simulazione “Virtual & Constructive”, di protezione di piattaforme e per il monitoraggio globale.

Multi-domain Surveillance
Le capacità multiruolo e net-centriche di Leonardo sono capaci di garantire quella superiorità informativa necessaria per supportare decisioni e interventi lungo l’intera catena di comando e trovano applicazione in ogni ambito: dalla sorveglianza aerea al controllo di zone terrestri e marittime, dalle attività di pattugliamento, alle operazioni di ricerca e soccorso nei teatri più ostili, fino alle operazioni di supporto alla sicurezza internazionale. Tra i sistemi allo stato dell’arte in termini di capacità d’integrazione sviluppati dall’azienda, il C-27J Next Generation. Vero e proprio moltiplicatore di efficacia operativa, il velivolo può essere dotato di radar di ricerca AESA (Active Electronically Scanned Array), sistemi elettro-ottici/infrarosso e altri sensori, essenziali per missioni ISR (Intelligence, Surveillance, Reconnaissance), MPA (pattugliamento marittimo), SIGINT (Signals Intelligence), supporto alle Forze Speciali e al personale sul campo. Altro esempio di integrazione tra piattaforma e sistemi avionici è l’ATOS (Airborne Tactical Observation System), il sistema di missione di Leonardo che gestisce i sensori di bordo fondendo le informazioni raccolte e presentando agli operatori un quadro tattico completo e aggiornato. ATOS, può essere installato su ogni tipo di piattaforma, come l’elicottero AW169M della Guardia di Finanza, caratterizzato da avanzate funzionalità dell’autopilota per compiti di ricerca e soccorso (SAR), che sarà presente in statica.  Accanto a questi sistemi, radar di nuova concezione, come il KRONOS Grand Mobile HP per la difesa aerea e missilistica, ultimo nato della famiglia, capace di intercettare bersagli a lungo, medio e corto raggio e sistemi uncrewed, come il Falco Xplorer, il più grande drone realizzato da Leonardo per il monitoraggio e la sorveglianza di vaste aree. Il sistema, che offre tempi di persistenza elevati e una capacità di carico fino a 350 kg, sarà presente a Le Bourget. Da segnalare infine piattaforme tecnologiche per sale di controllo di nuova generazione, in grado di raccogliere e correlare dati e informazioni da fonti diversificate per garantire la sicurezza fisica e cibernetica.
Virtual Environment & Training
L’addestramento e i servizi ad esso collegati sono proiettati verso la nuova dimensione della realtà virtuale e aumentata integrata dai tradizionali sistemi di addestramento. Il personale operativo, infatti, può essere preparato ad affrontare situazioni complesse in condizioni estreme solamente con un ampio utilizzo di scenari simulati, multi-dominio e interforze, in ambienti non riproducibili con il solo addestramento “Live”. Oltre a elevare il livello di competenze, l’impiego dei simulatori permette di ridurre le ore di volo reali, con un impatto positivo su costi e ambiente. Le tecnologie di realtà virtuale e aumentata, insieme all’intelligenza artificiale, sono, inoltre, utilizzate per le attività di manutenzione, contribuendo a prevenire e identificare guasti e inefficienze. L’addestramento rappresenta un ambito strategico per Leonardo che ha creato numerosi percorsi formativi, tra cui una rete di Training Academy per l’addestramento di piloti, tecnici e manutentori di elicotteri; la Cyber & Security Academy e l’Electronic Warfare Academy per gli operatori della sicurezza e ha realizzato in ambito velivoli  l’International Flight Training School (IFTS), un progetto frutto della collaborazione strategica con l’Aeronautica Militare per la realizzazione di un centro avanzato di addestramento al volo per i piloti militari delle aeronautiche di tutto il mondo. Su queste basi Leonardo sta guardando al futuro con il Battle Lab, il laboratorio dove si sta sperimentando la nuova generazione dei velivoli da difesa e dove, grazie all’innovativa “Smart Chair”, una postazione che riproduce quello che potrebbe essere il cockpit di un velivolo di sesta generazione, Leonardo punta a cambiare il modo di gestire i comandi a bordo di un caccia.

Air Platform Protection Survivability
Migliaia di persone altamente qualificate lavorano in Leonardo per la progettazione di sistemi di protezione delle piattaforme aeree destinate ad operare negli scenari presenti e futuri, spesso caratterizzati da minacce multiple. Al centro di questo lavoro, tecnologie quali la contromisura BriteCloud che opera incorporando la tecnologia DRFM (Digital Radio Frequency Memory), grazie alla quale riesce ad adattare il suo segnale fantasma ad una specifica minaccia radar, ingannando il sensore in maniera efficace. E ancora il Leonardo Modular Advanced Platform Protection System (MAPPS), un sistema difensivo per aerei di nuova generazione. I velivoli militari per loro natura devono essere concepiti fin dalle fasi di progettazione per operare negli ambienti più difficili. E’ il caso, ad esempio, dell’elicottero medio multiruolo AW149 di Leonardo, dotato di una completa suite di autoprotezione contro diversi tipi di minaccia, di una riduzione della traccia termica grazie al particolare design degli scarichi dei due motori, elevata manovrabilità e di una trasmissione in grado di continuare a funzionare regolarmente per oltre 50 minuti, anche in assenza di olio.

 

Global Monitoring
Frutto di processi di ricerca e sviluppo, nonché di partnership e collaborazioni internazionali, le soluzioni integrate di Leonardo per il global monitoring contribuiscono allo sviluppo sostenibile, garantendo il benessere delle persone e la sicurezza di territori, infrastrutture critiche e trasporti con sistemi di comunicazione, piattaforme (pilotate e uncrewed), sensori, satelliti, soluzioni di cyber security e cyber threat intelligence e sale di controllo, in grado di elaborare i dati ricevuti, integrandoli tra loro e valorizzandoli anche attraverso l’intelligenza artificiale e l’analisi di big data. Dalla necessità di informazioni fruibili, tempestive e contestualizzate per la sicurezza e la gestione delle emergenze nasce X-2030, la piattaforma C5I di Leonardo per “comando, controllo, comunicazione, computer, cyber e intelligence”. Sfruttando intelligenza artificiale, cloud, supercalcolo, algoritmi di deep learning e video analytics, X-2030 integra le applicazioni già esistenti e la sensoristica più avanzata, analizzando e mettendo a fattor comune un’enorme quantità di dati eterogenei provenienti da terra, mare, cielo, spazio e cyberspazio. Nelle soluzioni integrate di global monitoring le tecnologie e i servizi spaziali sviluppati da Leonardo e dalle sue joint venture Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%) e Thales Alenia Space (Thales 67%, Leonardo 33%) ricoprono un ruolo centrale. I satelliti, in particolare quelli di osservazione della terra, garantiscono infatti la continuità e l’alta risoluzione del monitoraggio di aree anche molto vaste, rendendo possibile una conoscenza d’insieme dello stato di salute del pianeta e dei territori. I sensori che utilizzano la tecnologia elettro-ottica permettono di osservare la terra nello spettro dal visibile all’infrarosso, e gli strumenti iperspettrali, vero fiore all’occhiello di Leonardo, sono addirittura in grado di analizzare la composizione chimico-fisica dell’area in esame, su terra, acqua o aria.

Collaborazioni internazionali
Grazie a queste competenze e ai continui investimenti in Ricerca e Sviluppo prodotto, Leonardo si è ritagliata un ruolo di primo piano in importanti programmi internazionali, civili e militari, che garantiranno ai paesi partner la sovranità tecnologica in settori chiave negli anni a venire. Su tutti il Global Combat Air Programme (GCAP) di cui l’azienda è partner strategico. Il cosiddetto “Sistema dei Sistemi”, operativo dal 2035, vede coinvolti ad oggi Italia, UK e Giappone e rappresenta una sfida finalizzata a tutelare e rafforzare la sovranità tecnologica e industriale nazionale. Accanto a questo programma, il progetto multinazionale Eurodrone che vede Leonardo impegnata con Airbus e Dassault nello sviluppo di un velivolo a pilotaggio remoto di classe MALE (Medium Altitude Long Endurance) destinato a rafforzare l’autonomia dell’Europa con sistemi operativi indipendenti ad alte prestazioni.

Commenti