HomeHabit & Renewable Energies

Cina: “accende” il suo primo progetto eolico nel deserto del Gobi

Avete mai pensato a cosa si potrebbe fare con l'energia del sole e del vento nel deserto? La Cina ha dato una risposta concreta a questa domanda. Il primo dei tanti progetti solari ed eolici nel deserto cinese del Gobi è ora operativo, e la sua portata è impressionante: può fornire energia a ben 1,5 milioni di famiglie.

Cina: “accende” il suo primo progetto eolico nel deserto del Gobi

Dove tutto comincia: il deserto del Gobi Questa prima fase del progetto si trova nel deserto di Tengger, situato al confine meridionale del deserto d

Così gli Stati Uniti possono battere la Cina nella sfida del 6G, che è già partita
Spazio: la Cina si sta attrezzando per la difesa planetaria
The Development of Artificial Intelligence in the People’s Republic of China

Dove tutto comincia: il deserto del Gobi

Questa prima fase del progetto si trova nel deserto di Tengger, situato al confine meridionale del deserto del Gobi. Lo scorso anno abbiamo seguito i suoi primi passi, e ora l’impianto è completo. Ha una capacità installata di 1 milione di kilowatt e si prevede che generi 1,8 miliardi di kilowattora ogni anno, secondo la società che lo gestisce, China Energy.

Non solo è il primo di una serie di progetti nel deserto, ma è anche il primo canale di trasmissione di energia ad altissima tensione della Cina. Il primo grande progetto rinnovabile che trasmette energia pulita dal deserto del Gobi e altre regioni aride fino alla provincia di Hunan.

Di spazio ne hanno. Ecco come si presentava l’area nel 2021.

Obiettivi ambiziosi per un futuro sostenibile

L’intero progetto, del valore di 85 miliardi di yuan (circa 13 miliardi di euro), avrà una capacità installata totale di 13 milioni di kilowatt. Il governo cinese lo ha lanciato alla fine del 2021, con piani ambiziosi: installare complessivamente 100 GW di capacità solare ed eolica in aree aride del Gobi (e non solo) che coprono ben 19 province.

È interessante osservare che saranno aree “depresse” come quelle, regioni come Ningxia, Xinjiang e Mongolia Interna, ad assumere ora un ruolo fondamentale. Quello di aumentare la quota di energia pulita nel mix energetico del paese, e di contribuire agli obiettivi di energia sostenibile di tutta la Cina.

Quando pensiamo al deserto, immaginiamo un luogo inospitale e privo di vita. La Cina sta dimostrando che dovremmo partire proprio dai deserti per contribuire a un futuro più verde.

Fonte: Futuroprossimo.it

Commenti