HomeEuropean Banking News

Climax Po, un progetto dal territorio per la lotta ai cambiamenti climatici

Ecco cosa è stato detto in occasione del lancio del progetto europeo Life Climax Po, in linea con la Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (Snacc), che riconosce il Distretto del Bacino del fiume Po come “uno speciale caso nazionale che ben si addice a costituire un’area pilota per l’adattamento climatico” attraverso la gestione sostenibile delle sue risorse idriche

Climax Po, un progetto dal territorio per la lotta ai cambiamenti climatici

Fonte: Formiche.net L’ultimo rapporto del Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, pubblicato lo scorso marzo, ha lan

La Ue lancia la sfida delle 100 città green, così l’Italia la può vincere
Intesa, nuova svolta green con 100 milioni di alberi
Study: Brazil can grow more soybeans without deforesting the Amazon

Fonte: Formiche.net

L’ultimo rapporto del Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, pubblicato lo scorso marzo, ha lanciato ancora una volta l’allarme: il surriscaldamento del pianeta, con l’aumento della temperatura media globale di oltre 1°C rispetto all’era preindustriale (1850-1900), sta già avendo effetti disastrosi in tutto il mondo. Per questo è fondamentale contenere l’aumento delle temperature con politiche climatiche ambiziose in grado di ridurre le emissioni climalteranti entro i prossimi anni, fino a raggiungere la neutralità climatica, auspicata anche dall’Unione europea, entro il 2050.

Di emergenza climatica, del nuovo Piano nazionale di adattamento climatico e di Legge per il clima si è parlato, nei giorni scorsi a Roma, in occasione del lancio del progetto europeo Life Climax Po, in linea con la Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (Snacc) che riconosce il Distretto del Bacino del fiume Po come “uno speciale caso nazionale che ben si addice a costituire un’area pilota per l’adattamento climatico” attraverso la gestione sostenibile delle sue risorse idriche. L’obiettivo è di “identificare, sviluppare a attuare attività e pratiche che promuovono l’adattamento ai cambiamenti climatici attraverso una gestione ‘climaticamente intelligente’ delle acque” di un bacino idrografico che riprende i principali aspetti della Strategia nazionale e ne favorisce l’implementazione.

Basti, infatti, ricordare che il Distretto del fiume Po (Dip) si estende per circa 87 mila chilometri quadrati, comprende otto regioni (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche), la Provincia autonoma di Trento e parte del territorio francese e svizzero. Vi vive un terzo della popolazione italiana (20 milioni di abitanti). In quest’area viene prodotto il 40% del Pil nazionale, il 55% della produzione idroelettrica e sono presenti oltre 3 milioni di ettari di superficie agricola. All’interno dell’intero bacino si contano 684 siti Natura 2000 e 420 aree naturali protette, locali, regionali e nazionali. Rappresenta, quindi, un ecosistema naturale ricco di specie e habitat di estremo valore.

Non a caso gli Assesment Report dell’Ipcc includono il Bacino del Po nelle aree europee continentali che subiranno una variazione del regime piovoso e un aumento degli eventi idrometeorologici estremi. In base ai modelli climatici di circolazione globale, il Distretto del Po “si trova nella fascia europea di transizione della variazione di piovosità, caratterizzata da un alto grado di intermittenza previsionale che genera incertezza sugli sviluppi futuri del clima”.

Le attività di monitoraggio meteo-idrologico effettuate dalle varie Agenzie ambientali del Distretto, in termini di precipitazioni hanno evidenziato “un aumento dell’intensità dei singoli eventi piovosi, ma una riduzione complessiva del numero di eventi totali, col risultato di un rilevante calo delle precipitazioni medie di circa il 20% su base annua e del 35% nel periodo gennaio-agosto”. Questa progressiva diminuzione delle precipitazioni, registrata nell’ultimo trentennio, ha prodotto un abbassamento della portata del fiume del 20% l’anno e del 45% nella stagione estiva.

Occorre aggiungere, poi, che ogni anno vengono prelevati per diversi usi circa 25 miliardi di metri cubi d’acqua, di cui quasi l’80% destinato all’irrigazione e il restante 20% a soddisfare gli usi industriali e civili. A partire dal 2000, ci sono stati ben sette anni in cui il bilancio idroclimatico (ossia la differenza tra le precipitazioni e la quantità d’acqua assorbita dall’atmosfera) del bacino del Po è risultato fortemente negativo. Nello stesso periodo, soprattutto a causa delle elevate temperature, è aumentata la richiesta d’acqua, specialmente nel settore agricolo.

E non va certo meglio nel resto del Paese. Secondo Legambiente, nel 2022, l’Italia ha registrato oltre 300 eventi climatici estremi che hanno causato gravi danni e forti impatti sull’ambiente. In particolare, sono sempre più frequenti le crisi idriche causate dalla siccità, in costante aumento e che non sembrano destinate a diminuire neanche nel 2023. Il bacino del Po è senz’altro l’area più colpita e dove occorre intervenire con più urgenza. Da qui il progetto Climax Po per migliorare tutta la gestione della risorsa idrica.

“Avviare interventi in questo senso – ha precisato il direttore generale di Legambiente Giorgio Zampetti – con azioni efficaci di riduzione dei prelievi, riuso delle acque reflue, rinaturalizzazione e tutela dei sistemi fluviali, è una priorità. Per farlo serve un confronto concreto tra i protagonisti dei diversi settori, al fine di delineare una strategia unica per superare un’emergenza divenuta ormai cronica”.

A livello nazionale, occorre registrare l’avvio, lo scorso 16 febbraio, della consultazione pubblica sul Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici che terminerà il prossimo 14 aprile. Una consultazione aperta al contributo dei cittadini, delle comunità e di tutti i soggetti pubblici e privati interessati. Il Piano, lo ricordiamo, intende “fornire un quadro di indirizzo nazionale per l’implementazione di azioni finalizzate a ridurre al minimo i rischi derivanti dai cambiamenti climatici, migliorare la capacità di adattamento dei sistemi naturali, sociali ed economici nonché trarre vantaggio dalle eventuali opportunità che si potranno presentare con le nuove condizioni climatiche”.

 

Commenti