HomeConstruction & Restructuring

Arriva una svolta nella fusione nucleare

Arriva una svolta nella fusione nucleare

Un nuovo esperimento del Mit con l’elio-3 ha prodotto risultati promettenti per il futuro della fusione nucleare, tra cui un aumento di dieci volte

Cessione del credito per il bonus 110: offerte della Banca, Poste e Assicurazioni a confronto
Iron Beam: “il muro laser” di Israele
Opere pubbliche, MIMS: inviato al Parlamento l’elenco di 15 nuove opere da commissariare, per un investimento pari a 3,1 miliardi di euro

Un nuovo esperimento del Mit con l’elio-3 ha prodotto risultati promettenti per il futuro della fusione nucleare, tra cui un aumento di dieci volte dell’energia prodotta

Un altro importante passo in avanti per la fusione nucleare. A compierlo sono stati ancora una volta i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit), che sono riusciti a sviluppare un nuovo tipo di combustibile di fusione nucleare che produce dieci volte la quantità di energia finora raggiunta. Gli esperimenti sono state condotti nel tokamak(parola di origine russa che sta per camera toroidale) di Alcator C-Mod del Mit, un reattore di contenimento magnetico del plasma che a ottobre scorso ha stabilito il record di pressione sul plasma più alta (oltre le 2 atmosfere) mai raggiunto in un esperimento di fusione nucleare.

Più precisamente, il team di ricercatori ha raccontato sulle pagine di Nature Physics che un unico tipo di combustibile nucleare di fusione aumenterebbe notevolmente le energie degli ioni all’interno del plasma. Secondo gli esperimenti di fusione condotti nel reattore di confinamento magnetico, la chiave per aumentare l’efficienza del combustibile nucleare è stata quella di aggiungere una quantità (circa l’1%) di elio-3, un isotopo stabile dell’elio, appunto, che ha solo un neutrone piuttosto che due.

Finora, il combustibile nucleare utilizzato nel Alcator C-Mod conteneva solo due tipi di ioni, deuterio e idrogeno: il primo, un isotopo stabile dell’idrogeno con un neutrone nel suo nucleo (rispetto all’idrogeno comune che non ha neutroni) rappresenta circa il 95% del combustibile.

In altre parole, i ricercatori del Mit hanno utilizzato un processo chiamato riscaldamento a radiofrequenza per accendere il combustibile nucleare.

 

 

 

 

wired.it

Commenti