HomeCommunication & Hi-Tech

Neuromarketing: capire la mente e osservare il mercato

Neuromarketing: capire la mente e osservare il mercato

Il neuromarketing, è definito come lo studio delle tecniche neuroscientifiche per comprendere i comportamenti di acquisto delle persone, le loro prefe

A PROPOSITO DI GUERRA, ARMAMENTI, ENERGIA
Edward I. Altman in SDA Bocconi
Robert Kiyosaki alerta que se acerca el mayor colapso financiero de la historia

Il neuromarketing, è definito come lo studio delle tecniche neuroscientifiche per comprendere i comportamenti di acquisto delle persone, le loro preferenze e cosa consumano.

Che cos’è il neuromarketing?

Il neuromarketing, è una branca scientifica che si unisce alle neuroscienze e all’ economia, che ha permesso un grande slancio, a ciò che riguarda, il decision- making, il comportamento degli individui e le interazioni sociali. 

Il neuromarketing, per la sua natura è multidisciplinare, poiché investe varie discipline, come le neuroscienza, la psicologia e il marketing. Infatti, il neuromarketing, è definito come, l’ applicazione di tecniche neuroscientifiche ( in particolare tecniche utilizzate dalla ricerca cognitiva) al campo del marketing, lo studio delle strategie di acquisto e di consumo.

A cosa serve il neuromarketing?

Lo scopo del neuromarketing, è quello di scoprire una solida teoria neuropsicologica per comprendere e che sia in grado di spiegare, le strategie di acquisto delle persone ( per esempio capire, perché una persona si orienta su un determinato brand, piuttosto che un altro, cosa influenza le sue scelte d’ acquisto ecc…).

Per raggiungere tale obiettivo, il neuromarketing combina varie tecniche e discipline come, quelle neuroscientifiche, modelli comportamentali, modelli e disegni sperimentali che appartengono alla psicologia dei consumi.

La possibilità di sfruttare le tecniche del neuromarketing permette di comprendere e quindi, misurare l’ attività celebrale durante compiti specifici, permette di studiare le reazioni del cervello, di fronte a stimoli del marketing ( per esempio, un brand, un jingle, un claim) e quindi, formulare delle ipotesi su cosa accada al cervello di una persona, mentre sta effettuando un acquisto di un prodotto e comprendere le sue reazioni, di cui è inconsapevole. Di conseguenza, questo processo è utile è necessario per costruire modelli e strategie di marketing efficaci. 

A cura di Monica Origgi

Commenti