HomeCommunication & Hi-Tech

Leonardo e Cubbit insieme per il primo cloud superprotetto

Leonardo e Cubbit insieme per il primo cloud superprotetto

Fonte: Leonardo.it La gestione sicura dei dati in un’azienda hi-tech come Leonardo è essenziale per la continuità operativa di produzione e

Eni: accordo con l’ Egitto tre miliardi di metri cubi in più nel 2022
Spazio sempre più digitale. La collaborazione tra Tas e Microsoft
Lavoro domestico: accordo sui minimi retributivi 2024

Fonte: Leonardo.it

La gestione sicura dei dati in un’azienda hi-tech come Leonardo è essenziale per la continuità operativa di produzione e servizi, oltre che questione di rilevanza strategica per il Paese intero. Da questa esigenza nasce l’accordo con Cubbit, primo enabler europeo di cloud storage geo-distribuito, con cui l’azienda sta sviluppando una innovativa architettura cloud di archiviazione distribuita.

20 milioni di miliardi sono i dati che Leonardo proteggerà grazie alla tecnologia cloud di “distribuzione geografica del dato” che potenzierà ulteriormente l’attuale capacità del Gruppo in tema di protezione dagli attacchi cyber. Il principio su cui si basa il nuovo cloud è quello della “polverizzazione” dei dati in più punti del sistema (i cosiddetti “nodi”), che sostituisce il tradizionale metodo di archiviazione in pochi data centre centralizzati. Il vantaggio è che ciascun file viene cifrato, frammentato e replicato su più sedi geografiche e, in caso di attacco, sarà sempre ricostruibile nella sua interezza.
Non solo sicurezza, il vantaggio sarà anche in termini di sostenibilità: la riduzione del traffico dati consente di diminuire produzione ed emissione di CO2, mentre l’archiviazione distribuita abilita la costruzione di digital twin più efficienti. Inoltre, come spiega Carlo CavazzoniHead of Computational R&D di Leonardo, a Il Sole 24 Ore, con questo accordo l’azienda già da oggi è in grado di affrontare il trend di crescita dei dati archiviabili, che si prevede triplicheranno nel 2026.

 

Commenti