HomeCommunication & Hi-Tech

L’intelligenza artificiale di Google ci darà consigli di vita

Google DeepMind è a lavoro su un chatbot in grado di fornire consigli utili sulla vita privata e professionale: dalla dieta a come evitare di andare a un appuntamento

L’intelligenza artificiale di Google ci darà consigli di vita

Fonte: Wired.it Google DeepMind, la sezione di Alphabet specializzata nell'intelligenza artificiale, è a lavoro su una novità che potrebbe cambiare

Intelligenza artificiale: può prevedere un arresto cardiaco?
Benvenuti nell’ avatar economy
Per stringere i legami con gli Usa, l’Italia punti alle Operazioni spaziali combinate

Fonte: Wired.it

Google DeepMind, la sezione di Alphabet specializzata nell’intelligenza artificiale, è a lavoro su una novità che potrebbe cambiare la vita di tutti i giorni: un life coach, alimentato da un’AI generativa, in grado di svolgere 21 diversi compiti in ambito professionale e personale. Tra questi, secondo quanto riportato dal New York Times, ci sarebbero il fornire consigli sulla vita, l’aiutare nella pianificazione delle attività e la capacità di rispondere a domande intime sulla vita delle persone. Più nel dettaglio, sembrerebbe che la nuova AI di Google abbia una specifica funzione di creazione delle idee, che le permetterà di fornire agli utenti suggerimenti o raccomandazioni a seconda delle diverse situazioni. Per fare un esempio pratico, il chatbot potrebbe suggerire a un utente come dire a un amico che non potrà partecipare al matrimonio che sta organizzando.

Per molti anni, infatti, l’AI è stata utilizzata in aree sensibili per fornire alle persone consigli utili sulle decisioni da prendere, e ora sembrerebbe essere pronta per farlo anche nella nostra vita privata. Seppur con le dovute precauzioni. “È ovviamente importante adottare un approccio responsabile alla costruzione di queste relazioni tra esseri umani e sistemi di intelligenza artificiale per garantire che i consigli forniti a una persona siano sicuri e in linea con ciò che consiglierebbe un professionista”, ha dichiarato Guttmann nel tentativo di rassicurare i più critici o i più timorosi. Ora, però, resta da vedere quale sarà davvero l’impatto sulle nostre vite di uno strumento di questo tipo.

Commenti