HomeCommunication & Hi-Tech

Scienza, crittografia smartphone: arriva la tecnologia quantistica

Scienza, crittografia smartphone: arriva la tecnologia quantistica

Fonte: Il Denaro.it L’azienda Alea Quantum Technologies, spin-out della Technical University of Denmark (DTU), ha sviluppato un generatore di numer

Un abbonamento di 49 euro al mese per viaggiare con tutti i mezzi pubblici, la Germania dichiara guerra alle auto
Metalli critici: scoperto in Sardegna uno dei maggiori giacimenti europei
Metà dei lavoratori italiani utilizza già l’ intelligenza artificiale per scrivere email e post sui social

Fonte: Il Denaro.it

L’azienda Alea Quantum Technologies, spin-out della Technical University of Denmark (DTU), ha sviluppato un generatore di numeri casuali meccanico quantistico che, se ridotto alle dimensioni di un chip, potrà essere incluso nell’elettronica dei telefoni cellulari e usato per la crittografia. Nel giro di pochi anni, la protezione delle comunicazioni con la crittografia quantistica potrebbe diventare un elemento fisso nei telefoni cellulari, proteggendo così le comunicazioni dalle violazioni. La tecnologia è già stata testata in Danimarca in occasione di trasferimenti di dati di grandi dimensioni nel settore finanziario, e ora l’azienda spin-out della Technical University of Denmark ha sviluppato un generatore di numeri casuali meccanici quantistici talmente semplice da poter essere prodotto a basso prezzo e da supportare una crittografia di 4 gigabyte al secondo. La tecnologia è così semplice che può essere sviluppata in una versione su chip. “Oggi i generatori di numeri casuali quantistici vengono già sviluppati da aziende di tutto il mondo in Paesi come Spagna, Australia, Regno Unito e Svizzera” ha spiegato Ulrik Lund Andersen, co-fondatore di Alea Quantum Technologies e professore alla DTU. “Il motivo per cui stiamo comunque sviluppando un generatore di numeri casuali meccanico quantistico è che la nostra tecnologia è particolarmente semplice e ultraveloce, e che possiamo fornire la prova matematica che i numeri sono completamente casuali, cosa che pochissimi dei nostri concorrenti sul mercato sono in grado di fare”, ha continuato Andersen.

Commenti