HomeMercato finanziario

Fincantieri, Bono: il gruppo cresce e diventera’ sempre piu’ forte e globale

Fincantieri, Bono: il gruppo cresce e diventera’ sempre piu’ forte e globale

"In questo periodo, profondamente influenzato dalla pandemia e da altre difficolta', abbiamo dimostrato le nostre capacita' nell'adattare le nostre op

Fincantieri vara la Viking Neptune
Fincantieri:via a produzione 1/o sottomarino Marina Militare
Le aziende italiane della difesa rafforzando la collaborazione con Elefsis e l’ industria greca

“In questo periodo, profondamente influenzato dalla pandemia e da altre difficolta’, abbiamo dimostrato le nostre capacita’ nell’adattare le nostre operazioni anche in condizioni avverse con scarsita’ di manodopera qualificata nonche’ di componenti e materie prime. Possiamo affermare che la nostra attivita’ e’ solida e sostenibile, due elementi essenziali pr essere competitivi nell’attuale scenario economico mondiale. Quindi possiamo dire che abbiamo gia’ posto le basi per quello che Fincantieri diventera’ nei prossimi 10 anni”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono aprendo la conference call sul semestre il 30 luglio.

“Grazie alle commesse acquisite nel settore della difesa, in cui abbiamo stabilito la nostra leadership, siamo fiduciosi che otterremo una maggiore marginalita’ e una forte generazione di cassa mantenendo i piu’ alti standard di produzione sul mercato.Abbiamo poi mantenuto la nostra visione a lungo termine, ampliando le nostre competenze nei settori non marittimi e, con soddisfazione, cominciamo a vedere ottimi risultati”.

Ed ha concluso: “Ritengo che nei prossimi anni potremo raggiungere ottime performance economiche e finanziarie. Sono personalmente orgoglioso di vedere che i nostri sforzi hanno permesso a Fincantieri di crescere e diventare un Gruppo forte e globale”.

Ricordiamo che Fincantieri è partnei nella joint venture col Gruppo Faist che ha annunciato un nuovo impianto per la produzione di batterie al litio per la mobilità elettrica: auto e autobus di nuova generazione. L’accordo con la Regione Lazio – di cui anche su questo sito e sulla nostra edizione digitale abbiamo parlato nei giorni scorsi – si basa sullo sviluppo di uno stabilimento a Piedimonte San Germano. Ci sarà una collaborazione stretta con l’Università di Cassino e con la start up Unicas E-Lectric. 

E’ previsto anche che la società stipuli una convenzione per la realizzazione di un progetto di rete e di filiera in ambito automotive elettrico, e attivi un partenariato con l’ITS Meccatronico del Lazio di Pontecorvo per almeno un biennio e sigli una Convenzione Quadro diretta con l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale che preveda il finanziamento o co-finanziamento di attività di ricerca, dottorati industriali, assegni di ricerca, ricercatori a tempo determinato, per lo sviluppo di nuove tecnologie.

Il totale degli investimenti di Power4Future, così è stato chiamato il progetto, saranno oggetto del Contratto di Sviluppo che ammonta a più di 20 milioni di euro. Dal canto suo la Regione Lazio – per la quale l’intesa costituisce parte di una più ampia ipotesi di collaborazione strategica con il Gruppo Fincantieri, la cui definizione sarà finalizzata nelle prossime settimane – si impegna a sostenere la candidatura di Power4Future per un Contratto di Sviluppo, anche con la disponibilità a parteciparne al cofinanziamento e a favorire e sostenere l’insediamento dell’azienda nel sito produttivo di Piedimonte San Germano.

Fonte: L’Inchiesta

 

 

Commenti