HomeCommunication & Tecnologies

Ecco il mini-camper elettrico in cui puoi dormire, lavorare e vivere

Mini, uno dei brand automobilistici più celebri al mondo, ha presentato di recente un'auto che è anche mini-camper. L'idea sembra essere molto ambiziosa: rivoluzionare completamente il modo in cui viaggiamo.

Ecco il mini-camper elettrico in cui puoi dormire, lavorare e vivere

Il primo telefono della “nuova” Nokia non è ciò che aspettavamo
Samsung’s first 5G smartphone for the first half of 2019!
These 3 things make a company truly innovative

Mini, uno dei brand automobilistici più celebri al mondo, ha presentato di recente un’auto che è anche mini-camper. L’idea sembra essere molto ambiziosa: rivoluzionare completamente il modo in cui viaggiamo.

Possibile che un’auto grande quanto un’utilitaria si trasformi in salotto con tanto di camera da letto e un’intera parete finestrata per godere del paesaggio? Assolutamente sì, stando all’idea dei progettisti inglesi: si chiama Vision Urbanaut.

 

 

L’idea, mai provata su nessuna altra auto prima di Mini, è di costruire il veicolo come un grande oggetto il cui interno, come una sorta di disco, può ruotare e trasformare il cruscotto in un lettino e il parabrezza in un balcone.

Vision Urbanaut, in questo modo, diventa uno spazio abitabile. L’azienda ha già fatto circolare le prime immagini, dove il retro è composto da un bel divano a “L”, una poltrona e una piccola scrivania. La parte anteriore del veicolo invece ospita letto e balconcino.

Ma non è finita qui: perché oltre a poter viaggiare con un camper decisamente piccolo, potremo presto viaggiare senza inquinare. Vision Urbanaut infatti è completamente elettrico, e questo significa al giorno d’oggi poter entrare nelle ZTL e nei centri cittadini, poter accedere a parchi e zone naturalistiche di interesse, e soprattutto muoversi in silenzio e senza emissioni di CO2 in atmosfera. Per chi ama la natura e i lunghi viaggi questi sono dei veri e propri lussi.

 

Eppure l’aspetto più interessante di questo mini-van è un altro: il “token”. Attraverso un aggeggio piccolo e rotondo, che funziona un po’ come un telecomando, si può sia accendere l’auto e sbloccarla (un po’ come fosse una chiave) sia cambiare la disposizione degli interni in modo automatico, che intervenire sulle finestre cambiandone il grado di oscuramento, un po’ come si farebbe con delle tende. Ma anche, per esempio, gestire l’illuminazione intera.

Il mini-camper di Mini sarà munito di guida automatica (come molte nuove auto, soprattutto elettriche) prodotte in questo periodo. Il che darà un aspetto ancora più futuristico e comodo per chi ama il viaggio in camper.

Il prezzo lo si saprà a breve, non appena Vision Urbanaut verrà messo in vendita nelle concessionarie del marchio inglese. Prima di allora, però, possiamo già dire che il nostro modo di viaggiare potrebbe cambiare per sempre con auto del genere. Immaginate i campeggi, con tante mini auto-salotto silenziose e non inquinanti che si illuminano da sé in riva a fiumi e spiagge.

Fonte: Esquire

Commenti