HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Produrre acqua dall’aria con il sole: la rivoluzione arriva dal Regno Unito

Produrre acqua dall’aria con il sole: la rivoluzione arriva dal Regno Unito

Alla Northumbria University costruito un prototipo di stazione portatile per produrre acqua dall’aria con l’energia solare L’invenzione potrebbe aiut

Dal MIT di Boston un materiale che fa bollire l’acqua più in fretta
Energia, acqua e rifiuti: la crisi non ferma la corsa all’ innovazione delle utility 7,2 miliardi di investimenti
Colpo di scena, sulla Luna c’è molta più acqua del previsto

Alla Northumbria University costruito un prototipo di stazione portatile per produrre acqua dall’aria con l’energia solare

L’invenzione potrebbe aiutare a produrre acqua dall’aria in comunità remote e distanti dalle sorgenti

(Rinnovabili.it) – Dalla Northumbria University arriva una nuova invenzione per produrre acqua dall’aria in maniera efficiente e durevole. Si chiama Solar2Water ed è una unità portatile per la generazione di acqua potabile basata sul fotovoltaico. Dall’ateneo britannico, presto potrebbe essere distribuita alle comunità rurali in luoghi remoti e distanti da sorgenti.

Oltretutto, secondo quanto dichiarano gli inventori, non occorrerebbero conoscenze specifiche per montarla. Solar2Water supera i limiti operativi dei tradizionali generatori d’acqua atmosferica: è in grado di produrre una quantità costante di acqua, indipendentemente dall’umidità dell’aria, e di generarne il doppio utilizzando la stessa quantità di energia. Funziona solo con l’energia solare, perciò è dotata di due pannelli fotovoltaici che si aprono ai lati.

Perché è importante produrre acqua dall’aria

Solar2Water è dotata anche di batterie che accumulano energia durante il giorno e la rilasciano di notte. Ciò consente il funzionamento della stazione 24 ore su 24. La sua robusta costruzione meccanica, promette l’Università britannica, significa che può essere utilizzata in qualsiasi ambiente. I ricercatori hanno in mente un suo uso in zone disastrate, ospedali da campo, uffici, campi profughi, campi militari e comunità remote dove non c’è connessione alla rete o disponibilità di acqua nelle vicinanze.

Secondo le Nazioni Unite, una persona su tre nel mondo vive ancora senza accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari. E il problema sta peggiorando con il cambiamento climatico, i conflitti e la crescita della popolazione globale. Questa mancanza di accesso all’acqua espone le comunità a numerose malattie, con oltre 800 mila decessi ogni anno. Solar2Water vuole fare la sua piccola parte in questo scenario preoccupante. Il progetto pilota sviluppato dall’Università è in grado di produrre acqua a sufficienza per tre o quattro famiglie, cioè 15-20 litri al giorno. Il team però ha in programma di aumentare la capacità di produzione a 50 litri al giorno. Il finanziamento ottenuto per creare il prototipo sta supportando lo scale-up e la commercializzazione di Solar2Water, con l’obiettivo di lanciare una società derivata dall’università che potrebbe produrre in serie le unità da commercializzare.

Commenti