HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

La dimensione dei Paesi in alcune mappe è distorta: nessun complotto, solo pura geometria

E se vi dicessimo che la reale dimensione dei Paesi non è quella disegnata sulle mappe? Vediamo come è stata creata la mappa di Mercatore, una tra le più comun

La dimensione dei Paesi in alcune mappe è distorta: nessun complotto, solo pura geometria

New insights into the Earth’s formation
Trovati 170 pianeti che vagano senza stella, ed è una scoperta pazzesca
Si toccano…”. Cosa succede ai due pianeti in cielo

Una tra le mappe più comuni e conosciute è certamente quella di Marcatore: è quella che abbiamo visto sin da bambini, a scuola.
In questa tipologia di mappa, che usiamo ormai da secoli, le forme dei Paesi sono esatte ma le aree sono fortemente deformate man mano che ci si avvicina ai poli.

Il passaggio da 3D a 2D contiene sempre distorsioni

Sulle mappe geografiche non sempre le dimensioni dei Paesi sono quelle reali, perché la superficie di una sfera (che è un corpo 3D) non può essere rappresentata su un piano (che è 2D) senza distorsioni. Non è geometricamente possibile! Ecco perché, nel momento in cui si proiettano i punti di un sfera su un piano, c’è sempre un parametro che subisce una distorsione, indipendentemente dal tipo di proiezione cartografica che si usa: o la forma, o le aree o le distanze.
Il punto è che se si decide di preservare un parametro, si sta automaticamente accettando di perderne altri: in base agli obiettivi e alle esigenze viene stabilito cosa salvare e cosa sacrificare, non c’è via di scampo.

Mappa globale ottenuta con la proiezione di Mercatore (cilindrica, centrografica e conforme)

In base alla superficie di proiezione, alla posizione del centro di proiezione e al tipo di proiezione che applichiamo otteniamo mappe molto diverse tra loro. Possiamo avere proiezioni cilindriche, coniche, centrografiche, stereografiche, scenografiche e ortografiche, ma anche equivalenti, equidistanti e conformi, tutte con caratteristiche diverse.

La mappa di Mercatore

Nel Sedicesimo secolo il famoso matematico, astronomo e cartografo belga Gerhard Kremer, conosciuto come Mercatore, creò un nuovo prototipo di mappa per facilitare la navigazione. Tramite una semplice proiezione è stato in grado di rappresentare la superficie sferica del globo su un piano bidimensionale, stravolgendo il modo di navigare e realizzare le carte nautiche. Pensate che questo metodo è talmente comodo e pratico che lo utilizziamo ancora oggi! Ma vediamo come si realizza questa mappa.

Ecco cosa succede se cerchiamo di stendere un globo gonfiabile

La proiezione di Mercatore si ottiene concettualmente in questo modo: immaginiamo di avvolgere la Terra con un cilindro tangente all’Equatore e proiettiamo ogni punto del globo sulla carta, facendo partire le proiezioni dal centro della Terra. Se immaginiamo di srotolare il cilindro, otteniamo una mappa di Mercatore.
Questo tipo di proiezione viene detta:

  • Cilindrica – perché abbiamo proiettato i punti su un cilindro;
  • Centrografica – perché le proiezioni sono partite dal centro della Terra;
  • Conforme – perché mantiene invariati gli angoli.

Pro e contro della mappa di Mercatore

Anche se il risultato non è del tutto verosimile, questo metodo ci permette di rappresentare il globo mantenendo gli angoli, il che è ciò che più ci interessa in ambito principalmente nautico. I Paesi che sono all’Equatore sono quelli meno distorti proprio perché il piano di proiezione (il cilindro) è tangente alla fascia equatoriale: qui le dimensioni saranno quindi più prossime a quelle reali.
Al contrario, più ci muoveremo verso i poli e più questa distorsione sarà amplificata, rendendo i Paesi esageratamente distorti e ingranditi. Tanto più ci si allontana dal centro di proiezione, tanto più l’area proiettata sarà deformata.
Pur avendo delle deformazioni, la proiezione di Mercatore è perfetta e pratica per la viabilità e per descrivere rotte, ecco perché la usiamo ancora!

La dimensione reale dei Paesi

Se volessino vedere le dimensioni esatte di Paesi e continenti, come dovremmo fare? Possiamo fare riferimento direttamente al mappamondo.
Ad ogni modo, ecco la classifica dei 10 Paesi più estesi del mondo in ordine decrescente:

  1. Russia (17 milioni di Km²)
  2. Canada (9,9 milioni di Km²)
  3. Cina (9,7 milioni di Km²)
  4. Stati Uniti (9,3 milioni di Km²)
  5. Brasile (8,5 milioni di Km²)
  6. Australia (7,6 milioni di Km²)
  7. India (3,2 milioni di Km²)
  8. Argentina (2,78 milioni di Km²)
  9. Kazakistan (2,72 milioni di Km²)
  10. Algeria (2,3 milioni di Km²).
Fonte: Geopop.it

Commenti