HomeItalian Enterprises

Gruppo Amadori: acquista il famoso prosciuttificio Lenti

Tappa nel percorso di diversificazione che prevede investimenti per 500 milioni in 5 anni. La Rugger Spa nel 2020 ha registrato un fatturato di 43,9 milioni

Gruppo Amadori: acquista il famoso prosciuttificio Lenti

Prestiti senza banche e ad alto rendimento: la soluzione ideale per PMI e investitori
Unipol: sfida Telepass, in campo un nuovo operatore per il telepedaggio
Banca Mediolanum, assist da 10 milioni al Grifone

Il Gruppo Amadori ha acquistato dalla famiglia Lenti il 100% di Rugger Spa, prosciuttificio di Santena (Torino) specializzato nella cottura delle carni e proprietario del marchio storico Lenti. Rugger Spa è stata fondata nel 1935 dalla famiglia Lenti e nel 2020 ha registrato un fatturato pari a 43,9 milioni di euro nei canali Gdo, Horeca e dettaglio, con una quota export del 2% grazie alla presenza di una selezione di prodotti in Germania, Francia, Regno Unito, Danimarca, Grecia, Austria e Svizzera.

Il completamento dell’operazione di acquisto – soggetta all’ottenimento dell’autorizzazione antitrust – è previsto entro il primo semestre di quest’anno. L’acquisizione di Rugger Spa si inserisce nel piano avviato dal Gruppo Amadori per la crescita nella fascia alta dei salumi – parte del maxi piano di investimenti di 500 milioni di euro in 5 anni – in linea con la mission aziendale dedicata alla valorizzazione di proteine bianche, rosa e verdi grazie a una filiera produttiva italiana, integrata e sostenibile.

«Con la cessione al Gruppo Amadori, la nostra famiglia dà alla Rugger la grande opportunità di accelerare e rafforzare il processo di crescita avviato con la possibilità di incrementare la distribuzione dei prodotti Lenti su tutto il territorio nazionale», ha dichiarato Ruggero Lenti, amministratore delegato di Rugger.

«La scelta di acquisire Lenti è una tappa importante nel percorso di diversificazione e crescita che ci vedrà impegnati nei prossimi anni. Poter contare sull’esperienza di Lenti è senza alcun dubbio una preziosa opportunità di crescita reciproca che darà nuovo impulso a un settore di assoluta eccellenza per l’agroalimentare italiano nel mondo», ha aggiunto Francesco Berti, amministratore delegato del Gruppo Amadori.

Fonte: Il Sole24 ore

Commenti