HomeHabit & Renewable Energies

Il governo Draghi per ridurre la spesa di energia

Il bando del Mipaaf apre una nuova strada per il fotovoltaico al fine di ridurre il costo dell’energia in agricoltura. I pannelli andranno sui tetti e non toccheranno i terreni

Il governo Draghi per ridurre la spesa di energia

Visite aziendali in serra. La serricoltura controllata spiegata al grande pubblico
Agricoltura: settore trainante dell’economia italiana
Cos’è la strategia “Farm to fork”

Il Parco Agrisolare nelle aziende agricole è pronto per essere realizzato. E non uno soltanto. Il Ministero delle Politiche agricole ha pubblicato le modalità di presentazione delle domande di accesso alla realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su edifici a uso produttivoUn intervento da 1,5 miliardi di euro finanziato con i fondi del PNRR e uno degli ultimi atti del Ministro Stefano Patuanelli, che si era impegnato con le organizzazioni degli agricoltori a favorire l’accesso ai contributi. Per tutto ciò che riguarda la transizione ecologica è anche una garanzia del governo uscente rispetto ad eventuali modifiche o ripensamenti del governo che verrà.

Nel dettaglio, le domande per gli incentivi dovranno essere presentate attraverso il portale messo a disposizione dal GSE dal 27 settembre al 27 ottobre 2022. L’avviso contiene, intanto, le modalità per costruire i nuovi impianti in tre settori fondamentali della nostra economia: agricolo, zootecnico e agroindustriale. Non si cono altri sdettori. “La misura – spiega il Ministero – è inserita nella missione Rivoluzione verde e transizione ecologica, componente Economia circolare e agricoltura sostenibile”.

Parco Agrisolare, il 40% dei fondi andranno al Sud

Obiettivo finale della misura è quello di promuovere l’installazione di pannelli fotovoltaici con una nuova capacità di generazione di 375.000 Kw da energia solare. I tetti delle antiche cascine o di strutture direzionali potranno abbattere i materiali esistenti, sostituirli con tetti isolati per le installazioni, potranno creare sistemi automatizzati di ventilazione o di raffreddamento e posizionare pannelli solari con sistemi di gestione dei flussi e degli accumulatori. Il mercato da questo punto di vista offre una buona gamma di tecnologie ed apparecchiature. Dovranno chiaramente essere indicate nei progetti e nelle domande di contributo.

Tra i Paesi europei, l’Italia in agricoltura spende circa il 20% per l’energia necessaria a sostenere coltivazioni e commercializzazioni dei prodotti, peraltro in aumento nelle esportazioni. Solo Francia e Germania spendono di più ma sono Paesi con sistemi energetici diversi dall’Italia. I nuovi Parchi potranno ridurre il gap di questi anni.

Fonte: Firstonline.it

Commenti