HomeEuropa e economia

Parte la riforma dei contributi per emittenti radio e tv locali

Parte la riforma dei contributi per emittenti radio e tv locali

Dopo appena 40 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Regolamento che disciplina i nuovi criteri per la concessione dei contributi a

Dati e intelligenza artificiale, così la Ue colmerà il gap digitale con gli Usa
Pnrr: dall’ Ue ok preliminare alla prima rata di aiuti da 21 miliardi all’ Italia
Malmstroem: “Se l’Ue verrà colpita dai dazi faremo ricorso al Wto”

Dopo appena 40 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Regolamento che disciplina i nuovi criteri per la concessione dei contributi annuali di sostegno  all’emittenza radiotelevisiva locale e dopo l’adozione lo scorso 20 ottobre del Dm (pubblicato sulla GU del 10 novembre), è disponibile  da oggi la piattaforma telematica per la presentazione delle domande del contributo, denominata SICEM (Sistema Informativo per i Contributi alle Emittenti Locali), realizzata grazie ad un progetto congiunto messo a punto da 2 Direzioni generali (DGROB e DGSCERP) del MISE. Da oggi e fino al prossimo 21 dicembre dunque le emittenti radio e tv locali potranno presentare le domande online per richiedere i contributi 2016; a gennaio si aprirà la finestra per richiedere i contributi 2017 mentre per i contributi 2018 la presentazione delle domande sarà possibile per tutto il mese di febbraio. Il nuovo regolamento supera la precedente erogazione a pioggia e tiene conto di criteri selettivi di merito per l’erogazione dei contributi.  Il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonello Giacomelli ha commentato: “Sono particolarmente soddisfatto perché abbiamo mantenuto gli impegni presi  di cambiare le regole farraginose che negli anni scorsi hanno prodotto grandi problemi alle emittenti locali. Con il nuovo regolamento e con l’aumento delle risorse  disponibili grazie al recupero dell’evasione sul canone Rai, ci sono più certezze per le emittenti radio tv”.

Commenti