HomeCommunication & Tecnologies

Deloitte Technology Fast 500: la tecnologia medica guida la classifica

Deloitte Technology Fast 500: la tecnologia medica guida la classifica

The 5G revolution is coming — here’s what you need to know
Kai-Fu Lee, el hombre clave en la Inteligencia Artificial de China
Il prototipo di una fotocamera che “vede” attraverso i muri

Per il 26esimo anno consecutivo, le aziende di software hanno continuato a dominare la Deloitte Technology Fast 500, ma anche le aziende biotecnologiche e di dispositivi medici hanno conquistato i primi posti. Axonics, una società di tecnologia medica, è in cima alla lista del 2021 con un tasso di crescita dell’87,037% dal 2017 al 2020. Un risultato impressionante, impossibile negarlo.

Axonics offre un sistema di neuromodulazione sacrale impiantabile ricaricabile progettato per il trattamento di pazienti con vescica iperattiva e/o incontinenza fecale.

«Axonics è orgogliosa di essere riconosciuta come l’azienda in più rapida crescita nell’elenco Deloitte Technology Fast 500», ha dichiarato Raymond W. Cohen, amministratore delegato di Axonics, in un comunicato stampa. «La forte crescita di Axonics è una testimonianza della cultura aziendale orientata alla missione, della dedizione dei nostri dipendenti e del nostro impegno per l’innovazione e lo sviluppo di soluzioni per l’incontinenza best-in-class che migliorano la vita dei pazienti. Siamo grati per la fiducia che medici, pazienti e azionisti hanno riposto in Axonics.»

Per i nove mesi terminati il ​​20 settembre 2021,  Axonics ha registrato un fatturato netto di 127,2 milioni di dollari rispetto ai 76,8 milioni di dollari dello stesso periodo del 2020, con un tasso di crescita del 66%.

Giunto al suo 27° anno, il 2021 Technology Fast 500 di Deloitte classifica le aziende in base alla loro percentuale di crescita dei ricavi dell’anno fiscale tra il 2017 e il 2020. Le aziende nell’elenco di quest’anno hanno registrato una crescita dei ricavi tra il 212% e l’87,037% e un tasso di crescita medio del 521% .

Le società di software e SaaS hanno rappresentato 7 delle prime 10 società dell’elenco e 368 (73%) del totale 500 dell’elenco. Si tratta di un aumento del 2% rispetto allo scorso anno. All’interno di questa categoria, l’infrastruttura e la produttività aziendali costituivano il 26%, il fintech il 19%, le piattaforme digitali il 18%, l’analisi dei dati il ​​13%, la sicurezza il 12% e infine il software consumer e la tecnologia sanitaria con il 6% ciascuno.

Le aziende biotecnologiche/farmaceutiche costituivano il secondo gruppo industriale più grande con il 14%, contenuti digitali/media/intrattenimento e dispositivi elettronici/hardware legati per il terzo con il 3% ciascuno e comunicazioni/reti, tecnologia energetica e dispositivi medici legati per il quarto posto con il 2%.

Fonte: 01net.it

Commenti