Confindustria, Cgil, Cisl e Uil: la formazione è strategica per le imprese

Pubblicato il 23 Settembre, 2019 alle 9:14 da in Europa e economia
Confindustria, Cgil, Cisl e Uil: la formazione è strategica per le imprese

La crescita economica deve essere promossa da azioni legislative specifiche. È fondamentale realizzare queste condizioni perché i Fondimpresa possono aiutare le aziende a crescere e a formare i lavoratori, superando concezioni burocratiche che appesantiscono il ruolo. È questo l’appello lanciato da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil durante i lavori del Forum “Il futuro del sapere, aziende e lavoratori nella trasformazione”, organizzato presso l’Auditorium della Tecnica a Roma, il 19 settembre 2019 in occasione dei 15 anni di Fondimpresa.

Il Fondo delle quattro parti sociali, in continua crescita dall’anno della sua istituzione, è il principale player in Italia con le sue oltre 200mila aziende aderenti che rappresentano un bacino di 4 milioni e 681mila lavoratori dipendenti potenzialmente beneficiari delle attività formative finanziate. La formazione finanziata da Fondimpresa permette ai lavoratori – con l’accrescimento del patrimonio di competenze – di avere un ruolo attivo, e non più meramente passivo, all’interno del mercato del lavoro, con il conseguente aumento della capacità di incidere in maniera più consapevole all’interno dei processi produttivi in cui sono coinvolti. Aiutare i lavoratori nella formazione è un requisito fondamentale se vogliamo aumentare il livello della produzione italiana, senza dimenticare il costante confronto con gli altri Paesi, specialmente quando le imprese italiane esportano i loro prodotti all’estero.

Il fondo interprofessionale di Confindustria e Cgil, Cisl, Uil presenta i dati per analizzare come cambia il mondo delle imprese: un forte trend di crescita ha caratterizzato i primi 15 anni di attività del primo tra i fondi interprofessionali in italia. Si va dalle 17mila aziende aderenti nel 2004 alle oltre 200mila aziende del 2019, parliamo di un numero undici volte superiore a quello iniziale. Per quanto riguarda i lavoratori si va da un milione e 306mila lavoratori del 2004 ai quattro milioni e 681mila del 2019: numeri importanti che non possono che fare di Fondimpresa il più grande dei fondi interprofessionali in termini di peso ponderale.

Commenti