HomeCommunication & Tecnologies

Open entra all’interno dei collaboratori indipendenti per il fast-checking di Facebook

Si aggiunge a Pagella Politica nella lotta alle bufale

Open entra all’interno dei collaboratori indipendenti per il fast-checking di Facebook

Dopo l’annuncio di Facebook nuovi cali delle criptomonete
Facebook. Per gli utenti maggior controllo dei dati
Ecco come Facebook si rapporta con le fake news

Facebook ha annunciato l’ingresso di Open all’interno dei suoi collaboratori indipendenti per il fact-checking. La sezione coordinata da David Puente è già stata certificata dall’organizzazione indipendente ‘International Fact-Checking Network’ e si unisce a Pagella Politica, partner di Facebook in Italia da gennaio 2018, nella lotta alla disinformazione.

Insieme svolgeranno il proprio lavoro di analisi su Facebook e Instagram in Italia. “Dare alle persone più informazioni su ciò che vedono online è fondamentale per aiutarle a decidere cosa leggere, a cosa credere e cosa condividere” spiega Facebook in una nota. “Fin dal 2016 Facebook collabora con partner indipendenti di fact-checking per identificare e combattere la disinformazione sulle sue piattaforme. Il numero di partner è quasi triplicato negli anni e oggi collaboriamo con più di 80 fact-checker indipendenti in tutto il mondo, che analizzano i contenuti in oltre 60 lingue diverse”. Ogni volta che un fact-checker valuta un contenuto come falso, Facebook riduce la sua distribuzione, in modo che meno persone possano vederlo, e avvisa chi lo ha già visto sulla non correttezza. Applica inoltre al contenuto un’etichetta di avvertimento che rimanda all’analisi fatta del fact-checker.

Facebook ha annunciato di recente diversi aggiornamenti al programma, introducendo due nuove classificazioni a disposizione dei fact-checker: “Alterato”, per i video e le immagini che sono stati manipolati e “Privo di contesto”, per i contenuti che non sono del tutto falsi ma che possono essere fuorvianti senza un contesto aggiuntivo. “Siamo lieti di dare il benvenuto a Open come partner di fact-checking in Italia. Insieme a Pagella Politica, avrà un ruolo di fondamentale importanza nell’aiutarci a combattere e ridurre la diffusione della disinformazione in lingua italiana sulle nostre piattaforme” ha detto Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia. 

Fonte: Ansa.it

Commenti